Tester analogico

Cos'è un tester analogico e a cosa serve

Un tester analogico, noto anche con la sigla VOM (Volt-Ohm-milliamperometro), è uno strumento di misura elettronico che permette di misurare diversi tipi di grandezze in un unico utensile. In genere, alcune delle funzioni standard sono la misurazione della tensione, della corrente e della resistenza. I tester analogici differiscono da quelli digitali poiché utilizzano un microamperometro con un puntatore in movimento per visualizzare le letture mentre i tester digitali presentano un display numerico o una barra grafica per rappresentare il valore misurato. Nonostante i tester digitali siamo ora molto più comuni a causa del loro basso costo, i tester analogici sono ancora gli strumenti prediletti per questo tipo di misurazioni come, ad esempio, durante il monitoraggio di un valore rapidamente variabile.
Un tester analogico

Reflexx R78, Guanti in Nitrile Neri senza Polvere Gr 4, 100 Pezzi, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Funzionamento base del tester analogico

Tester analogico uso Il tester analogico è un dispositivo portatile utile per individuare guasti di base e per il lavoro sul campo. Essi possono essere utilizzati per risolvere i problemi elettrici di una vasta gamma di dispositivi industriali e domestici, come le apparecchiature elettroniche, comandi del motore, elettrodomestici, alimentatori e sistemi di cablaggio. Il tester analogico, durante l’utilizzo, carica il circuito in esame ad una certa misura. Ad esempio, un tester che usa il movimento di una bobina mobile con un fondo scala di corrente di 50 microampere, ovvero la più alta sensibilità comunemente disponibile sul mercato, deve ricevere almeno 50 microampere dal circuito per avere prova del fondo scala. È interessante notare che oggi i tester sono venduti in una custodia di plastica o comunque di un materiale isolante, questo perché attorno al 1920, quando le versioni tascabili entrarono in commercio, erano venduti in una custodia di metallo che causo non poche morti per elettroshock.

  • Realizzazione impianto elettrico La misura di terra è indispensabile per la realizzazione di impianti elettrici in tutta sicurezza. Si esprime, in elettrotecnica, tramite l'unità di misura denominata"voltamperometrica". Si effettua q...
  • Tester analogico Quando si sente parlare di tester analogico non si fa altro che citare uno strumento che viene usato moltissimo nei campi come l’elettronica, gli interventi ad impianti elettrici e altri settori che s...
  • Rastrello con pettine in metallo Il rastrello nasce come strumento indispensabile al lavoro contadino. Esso serviva per raccogliere il fieno nei campi in modo abbastanza veloce. È costituito da due parti: il manico ed il pettine. Il ...
  • Operaio che riempie una betoniera La betoniera nasce come strumento per cantieri edili. Il suo scopo è quello di miscelare ed impastare tra loro vari materiali, al fine di creare la malta o il calcestruzzo. Il suo utilizzo è molto uti...

BGS 3062 Piegatubi per rame da 6-8-10 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,45€


Interfaccia del tester analogico

Usare tester analogico Per usare un tester analogico è bene prima focalizzare il quadrante il quale è formato da archi con segnati dei numeri che stanno ad indicare i valori delle misurazioni che si andranno ad effettuare. A volte, possono presentarsi in colori diversi per aiutare colui che usa questo strumento a districarsi tra le varie grandezze che si andranno a misurare. Il tester, sotto al quadrante, è munito di una piccola manopola che consentirà all’operatore di cambiare le misure tra ohm, ampere e volt o la scala. Successivamente, andranno inseriti dei cavi negli appositi inserti. Ogni tester avrà diverse aperture poiché a seconda della misurazione che bisognerà effettuare ci sarà bisogno di diversi tipi di cavi. In seguito, a seconda della misurazione che bisognerà effettuare ci saranno diversi procedimenti specifici da seguire.


Tester analogico: Come misurare la resistenza col tester analogico

Tester analogico in uso Di qui un esempio su come usare un tester analogico per misurare la resistenza. Prima di tutto bisogna impostare il tester analogico su Ohm o resistenza. Poi, accendere lo strumento nel caso in cui questo abbia un interruttore. È bene notare che quando il tester è impostato per misurare la resistenza in Ohm, questo non misurerà la continuità poiché opposti. Dopo aver fatto ciò bisogna connettere il jack nero al segno "-" e poi il jack rosso marcato con il simbolo Omega o alla lettera R. Ora, il tester dovrebbe muovere la lancetta verso l’estrema destra. Si dovrà individuare il tasto che aggiusta lo Zero e rotarlo fino a far indicare alla lancetta 0. Collegando il tester a qualcosa, che sia una lampadina o un altro tipo di circuito, si sarà ora in grado di misurarne la resistenza. Provare a cambiare il range del tester da Rx1 potrà essere utile in quanto potrebbe essere il caso di ritentare ad aggiustare lo Zero.



COMMENTI SULL' ARTICOLO