Generatore eolico fai da te

Perché creare un generatore eolico fai da te

Optare per forme di energia rinnovabile significa avere soluzioni ecosostenibili e dal limitato impatto ambientale: vi sono tante opzioni da mettere in pratica, dall'eolico al solare. In genere si realizza un impianto solare, in quanto è più semplice da installare; tuttavia è possibile creare un generatore eolico fai da te per rendere questa soluzione più versatile. Infatti le pale delle turbine eoliche si caratterizzano per le loro grandi dimensioni, in quanto devono catturare il vento ad alta quota, ma è possibile adottare sistemi casalinghi. In questo modo si ha l'energia per illuminare una stanza e spesso si può sperimentare il riciclo creativo. Ad esempio si può mettere a punto un generatore eolico fai da te con turbina usando un po' di nastro isolante e la ruota di una vecchia bicicletta da recuperare.
Esempio di generatore eolico fai da te

GENERATORE EOLICO AIR BREEZE MARINE 160W 12V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 999€


Come realizzare un generatore eolico fai da te

Creare un generatore eolico fai da te Per realizzare un generatore eolico fai da te con una ruota di una vecchia bicicletta bisogna innanzitutto rimuovere dall'elemento la camera d'aria. Quindi è necessario ricoprire a coppie i raggi della ruota della bicicletta con del nastro isolante metallizzato extra-strong. In questo modo si possono formare tante pale eoliche di piccole dimensioni. A questo punto si rende molto scorrevole la ruota perché giri al meglio delle sue possibilità: si olia il rotore e si eliminano i meccanismi che causano frizione, come le ghiere del cambio. Ora si collega a questa turbina eolica casalinga un generatore portatile oppure una dinamo da fissare su dei pali. In questo modo si ha l'energia sufficiente per ricaricare il cellulare o per alimentare una lampadina al LED. Tuttavia bisogna sempre tenere a mente che il vento è un'instabile fonte di energia.

  • La forza del vento L'uomo ha sempre cercato di sfruttare l'energia del vento. Sin dai tempi più remoti, l'uomo ha capito che la forza del vento poteva essere utilizzata per i suoi scopi. Le vele delle barche hanno perm...
  • sistema per mini eolico Per chi fosse alla ricerca di fonti di energia pulita ed economica per la propria abitazione, il mini eolico può rappresentare la migliore risposta possibile. Si tratta di impianti di piccola taglia, ...
  • pale eoliche Finora quando si pensava all'energia eolica venivano in mente solo quegli enormi pali che a fronte di un indubbio vantaggio ambientale però rappresentano un imbruttimento paesaggistico. La realtà è pe...
  • esempio di impianto minieolico In un mondo sempre più attento alla produzione di energia eco, il minielico o piccolo eolico è senza dubbio tra le alternative energetiche più scelte e adoperate. Il minieolico è la possibilità di pro...

Cablematic - Onda sinusoidale pura potenza inverter 10 ~ 16VDC a 220VAC 300W Solar USB

Prezzo: in offerta su Amazon a: 120,99€
(Risparmi 22,8€)


Generatore eolico fai da te: Realizzare un generatore eolico fai da te in lamiera

Per avere invece un generatore eolico fai da te in modo da produrre sufficiente energia elettrica per illuminare un piccolo giardino oppure una stanza di casa bisogna realizzare una turbina più grande. In questo caso servono un tubo in PVC largo 10 cm e alto 50 cm, una vite di 20-30 cm di lunghezza, un piatto in alluminio e una dinamo per biciclette. Il costo di tutti questi materiali si aggira sui 20 euro. Prima di tutto si deve forare il piatto in alluminio al centro con un trapano per poi inserire nel buco così realizzata la vite. A questo punto la si fissa e si divide il tubo in PVC in quattro parti uguali, così da avere le pale. Ora si monta il piatto di alluminio su un cuscinetto a sfera e si applica il tutto a una struttura portante (un palo, un'antenna o una parete), inserendo all'interno del piatto le quattro parti del tubo. Quindi si collega con un pezzo di tubo flessibile di gomma la dinamo alla vite girevole: è necessario che il piatto possa girare senza problemi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO