Centrali biomasse

Cosa sono le centrali biomasse

Le centrali biomasse sono degli impianti, più o meno grandi, che sfruttano i rifiuti organici derivati dallo sfruttamento forestale, dall'agricoltura o dalla frazione umida della raccolta differenziata, al fine di produrre elettricità o calore per il riscaldamento degli ambienti. Da sempre utilizzate, sotto forma di legna, per il riscaldamento, le biomasse sono state accantonate in seguito alla rivoluzione dei combustibili fossili. Negli ultimi anni, a causa dell'impatto ambientale dato dai derivati del petrolio, le biomasse sono state rivalutate, e vengono considerate al pari delle altre fonti rinnovabili. Questo perchè l'anidride carbonica emessa durante la combustione è la stessa che la pianta ha assorbito durante la sua crescita, quindi non vi è un aumento di gas serra nell'atmosfera. Nei grandi impianti a per la produzione di elettricità il funzionamento è simile a quello delle termoelettriche tradizionali, ma al posto di idrocarburi vengono bruciate biomasse. Negli impianti domestici sono presenti delle caldaie che sfruttano il calore dato dalla combustione delle biomasse per produrre acqua calda per riscaldamento e uso sanitario, oppure aria calda tramite termoventilazione.
Impianto a biomasse

Pannello Isolante Depron 80 x 125 cm spessore 6 mm confezione da 20 pannelli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 88,38€


I combustibili utilizzati nelle centrali biomasse

Pellet come combustibile Nelle centrali biomasse i principali combustibili sono di origine vegetale. Il più classico è il legname, da sempre utilizzato dall'uomo per il riscaldamento delle proprie abitazioni e per l'illuminazione. Un impianto di riscaldamento a legna può essere o la classica stufa, oppure una caldaia a legna, la quale permette il riscaldamento di acqua da inviare ai termosifoni o per uso domestico. Le caldaie a legna di ultima generazione permettono un rendimento termico del combustibile superiore al 90%, con notevole risparmio sui consumi. Il più grande inconveniente di questi impianti è la disponibilità di grandi spazi per lo stoccaggio del combustibile e la forza lavoro necessaria all'alimentazione dell'impianto. Una tipologia più pratica di combustibile, sempre più utilizzato, è il pellet, ovvero piccoli cilindri composti da segatura pressata, tenuta insieme dalla legnina, e quindi senza aggiunta di additivi. Una caldaia a pellet è completamente automatizzata, e a parte piccole manutenzioni, la sua gestione è simile ad una caldaia a gas. Infine per grandi impianti è possibile utilizzare caldaie a cippato, ovvero legno ridotto a piccole scaglie.

  • Vari tipi di biomasse Le centrali biomasse utilizzano come combustibile gli scarti delle lavorazioni agricole e forestali. Il più tipico e antico combustibile utilizzato dall'uomo il legname, è una biomassa. Il legname ha ...
  • Pannelli fotovoltaici L'energia fotovoltaica è una delle energie rinnovabili più utilizzate, a confronto delle altre energie eco-sostenibili. All'estero è largamente utilizzata anche l'energia geotermica, con l'installazio...
  • Turbine eoliche Oggidì, le tecnologie usate nel settore energie rinnovabili appaiono valide e fidate. Ma non si tratta di traguardi statici, essendo le novità una costante dell'intero comparto, come ad esempio in que...
  • Eolico e fotovoltaico Gli impianti ad energie rinnovabili sono quelli che sfruttano la trasformazione dell'energia prodotta dalle fonti naturali come il vento e il sole. Il vento può essere utilizzato, nei contesti ad elev...

SIMBR Illuminazione Acquario montato sulla parte superiore del`acquario adatto a 95-115cm acquario 25W 120 LED bianco +24 LED blu

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41,99€


I vantaggi

caldaia a biomassa Le centrali biomasse presentano dei grandi vantaggi dal punto di vista economico, in quanto il combustibile è molto più economico rispetto ai tradizionali combustibili fossili. Inoltre poiché le biomasse sono considerate fonti alternative, esistono degli incentivi, sia statali che regionali, alla loro installazione. Considerando spese le spese per il combustibile, un impianto a biomasse permette di recuperare le spese per la sua installazione in meno di 5 anni, dopo i quali il risparmio annuale è superiore ai 1000 euro Altro vantaggio è dato dalle semplici manutenzioni da attuare, le quali generalmente sono limitate alla pulizia della camera di combustione e alla rimozione della cenere. La diffusione della biomasse permette inoltre la riduzione dell'accumulo di rifiuti dati da lavori forestali e agricoli, in quanto queste vengono realizzate con scarti di queste lavorazioni. Dal punto di vista ambientale invece si riduce l'accumulo di gas serra nell'atmosfera.


Centrali biomasse: Gli svantaggi

Combustione legna I principali svantaggi delle centrali biomasse sono dati dal costo per l'installazione dell'impianto e per lo spazio necessario allo stoccaggio del combustibile. Infatti per installare una caldaia di questo tipo è necessario in primo luogo predisporre una canna fumaria, ricercare un luogo per il posizionamento del bruciatore e collegarlo all'impianto di distribuzione dell'acqua calda, sia ai radiatori che ai sanitari. Inoltre, nonostante gli impianti più grandi dispongano di un meccanismo per il rifornimento automatico del combustibile, nei più piccoli è necessario rifornire manualmente la caldaia, e soprattutto per la legna, questo richiede un discreto sforzo fisico. Se l'impianto sostituisce una vecchia caldaia a gas, potrebbe essere necessario adeguare la canna fumaria. La combustione delle biomasse, nonostante non aumenti l'accumulo di anidride carbonica nell'aria, produce delle polveri sottili date dagli elementi incombusti, e ciò le rende inadatte alle grandi città, dove spesso sono soggette a limiti. Infine il combustibile necessita di grande spazio dove essere accumulato, si pensi ad una catasta di legna o ad un cumulo di cippato, e spesso questo non è disponibile in singoli appartamenti condominiali.



COMMENTI SULL' ARTICOLO