Sabbiatrice fai da te

Cos'è la sabbiatura

La sabbiatura è un procedimento attraverso cui viene abrasa la superficie di un oggetto, grazie alla pressione di un getto di aria, sabbia e, a volte, acqua. Questo sistema rappresenta uno dei metodi più efficaci e rapidi per pulire superfici in metallo, liberandole dalle tracce di vernice, smog, ruggine, grasso, segni di usura. Il suo utilizzo è vario: può servire a preparare gli oggetti alla verniciatura, rifinire le superfici, rimuovere gli strati di vernice o semplicemente ripulire e dare un aspetto migliore a parti rovinate. Da queste prime indicazioni si capisce subito quanto la sabbiatura possa essere utile nella manutenzione della propria automobile: serve a restaurare e mantenere auto d’epoca, ridare un bell’aspetto a macchine particolarmente esposte ad agenti esterni, preparare a verniciare o riverniciare delle parti o addirittura l’intera carrozzeria. Dunque, disporre di una sabbiatrice fai da te può essere veramente utile e conveniente.
Esempio sabbiatura carrozzeria

Varo - Pistola sabbiatrice ad aria compressa, inclusi 2 kg di sabbia, apparecchio con ripresa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€


Come costruire una sabbiatrice

Sabbiatrice manutenzione automobili Per costruire una sabbiatrice fai da te senza troppa fatica è necessaria innanzitutto la bombola di un estintore scaricato, sul cui fondo effettuare un foro di 23 mm: qui si dovrà saldare un raccordo filettato da 1" e ¾ in modo da collegare il T superiore di adduzione; dalla parte opposta della bombola si deve eliminare un pezzo del raccordo e saldarlo con un tubo che sia adatto ai pezzi idraulici per la sabbiatura. Per dare una base d’appoggio alla sabbiatrice serve il convogliatore di una caldaia vecchia, a cui fissare la valvola di regolazione della pressione; in un altro punto va invece fissato un tubo rotondo per reggere contenitore della sabbia e bombola. Come contenitore della sabbia si può usare una scodella semisferica forata sul fondo, assicurandosi che il foro sia sufficientemente largo, magari con l’aiuto di una lima; il foro serve a inserire un raccordo di giunzione maschio-maschio, bloccandolo da un lato alla scodella con un dado a ghiera, dall’altro alla valvola di chiusura. Per reggere il contenitore servono due anelli in ferro a cui saldare pezzi di barra filettata; ogni barra deve passare in fori sul tubo di sostegno ed essere ad esso bloccata con dei dadi.

  • Pneumatico con bassa pressione La pressione degli pneumatici purtroppo non è sempre costante nel tempo. Ecco quindi perché, se vi occupate da soli della manutenzione ordinaria del vostro veicolo, sarebbe uno dei controlli da fare u...
  • ricarica batteria auto Quando capita che l’automobile non và in moto facilmente, la prima cosa da fare è capire da dove venga il problema. Potrebbe infatti trattarsi della batteria scarica, ma anche di un guasto elettrico o...
  • automobile restaurata Prima di procedere alla fase di restauro della vostra automobile dovete assicurarvi di possedere i seguenti occorrenti: carta abrasiva, vernice per carrozzeria, vernice lucida per carrozzeria, pennell...
  • Controllo dell'auto Il controllo dell'auto va effettuato periodicamente, generalmente ogni anno per essere più sicuri alla guida e soprattutto per non incorrere in spiacevoli situazioni. Vi sono poi dei momenti in cui il...

Pistola per sabbiare - Pistola sabbiatrice Fervi articolo 0290

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€


Sabbiatrice fai da te: Come utilizzarla

Risultato operazione sabbiatura La sabbiatura è abbastanza pericolosa, dunque è bene munirsi di tuta protettiva, guanti e scafandro, per evitare che i granelli di sabbia escorino la pelle e addirittura vi penetrino, provocando lesioni e infezioni. Prese le dovute precauzioni, bisogna fissare al meglio gli oggetti da sabbiare, smontando tutti i pezzi precedentemente assemblati, per raggiungere tutte le superfici. Il getto deve essere passato in maniera uniforme, fino ad eliminare tutte le impurità indesiderate. Durante la sabbiatura i granelli esercitano una forte pressione per le loro dimensioni ridotte. A volte la pressione esercitata può deformare leggermente le lamiere più sottili o produrre una cortina di polvere che non permette di vedere come sta procedendo il lavoro; in questo caso si utilizza spesso la sabbiatura ad acqua, accostando un getto di aria e un getto di sabbia, oppure trasportando direttamente la sabbia con l’acqua. Visti i numerosi svantaggi della sabbiatura ad acqua, tra cui la necessità di costante approvvigionamento di acqua corrente e la formazione di una fanghiglia sulla superficie da pulire e sul pavimento, è forse meglio utilizzare un impianto di aspirazione delle polveri.



COMMENTI SULL' ARTICOLO