La batteriosi

Cos’è la batteriosi

Le batteriosi sono delle fastidiose e problematiche malattie che scaturiscono a causa della presenza eccessiva di una particolare tipologia di batteri chiamati fitopatogeni. I batteri in questione hanno la capacità di infiltrarsi all’interno di una qualsiasi pianta, mediante i tagli che possono presentarsi sulla sua superficie. I batteri fitopatogeni approfittano delle lacerazioni presenti sull'arbusto, causate ad esempio da pratiche di potature troppo aggressive, per aggredire la pianta. Le tipologie di vegetali che vengono colpiti da questi agenti possono essere moltissime, ma le più conosciute sono l’olivo, l’albicocco, la pianta del kiwi e quella della rosa. Le conseguenze derivanti da questa malattia scaturiscono sotto forma di una lenta e progressiva forma di aggressione che porta alla morte della pianta, con l’apparizione di tumori che vanno a danneggiare la struttura del vegetale.
pianta colpita da batteriosi

Insetticida - 500 ml - 61x6864

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,5€


Cause della batteriosi

Foglia che presenza lacerazioni dovute alla batteriosi Come detto precedentemente, le cause che possono portare alla diffusione di questa tipologia di batteri possono essere molteplici e tutte riconducibili ad errori umani. Una delle prime cause che portano all'insorgere di una simile malattia scaturisce dalle potature effettuate in maniera errata ed eccessivamente aggressiva. Infatti, se nella pianta vi sono presenti tagli o incisioni particolarmente profonde, queste possono esporre il vegetale all’attacco degli agenti patogeni. Per poter risolvere in maniera ottimale questo genere di problematica occorre coprire tutte le lacerazioni presenti sulla superficie della pianta tramite l'ausilio del mastice, un prodotto plastico dotato di capacità adesive ed impermeabili che una volta messo in opera tenderà ad indurire nel giro di poco tempo.

  • Pianta di cavolo Tra le possibili malattie che possono colpire le piante, l'ernia del cavolo è sicuramente una delle più temibili. Non solo le piante devono essere attentamente distrutte, meglio ancora se bruciate, ma...
  • radice attaccata dalle larve Le larve della mosca del cavolo si nutrono delle sostanze contenute nelle radici e nel colletto del cavolo. L'insetto depone le proprie uova nel terreno che vi si trova in prossimità e dalla primavera...
  • Mosca bianca vista sotto ingrandimento La mosca bianca è un parassita che proviene dai paesi tropicali, dove il caldo ne permette la riproduzione proprio grazie alla sua capacità di resistenza. Proprio quest'ultima peculiarità ha fatto sì ...
  • Insetto altica tra le foglie Meglio conosciuto come 'pulce di terra' per la sua abilità nello spostarsi saltando, l'altica è un insetto di pochi millimetri che riesce a provocare gravi danni alle coltivazioni di cavoli, broccoli,...

POLTIGLIA BORDOLESE MANICA KG.1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,65€


La cura della batteriosi

lattuga infetta Le piante colpite da batteriosi devono essere trattate con prodotti e medicinali appositi. Un preparato il cui uso in questi casi viene largamente consigliato è quello che viene prodotto mescolando ad un certo quantitativo di solfato di rame, alcuni litri d'acqua e della calce. Il composto così ottenuto sarà in grado di bloccare in maniera decisiva l’avanzamento della malattia. Se si interviene in tempo è possibile riuscire a salvare la pianta, scongiurandone quindi la morte. Nel caso in cui l’infezione risulti essere troppo estesa, è consigliabile procedere con l’eliminazione di tutte le radici infette. Prima di piantare altri arbusti inoltre, è consigliabile procedere con il successivo trattamento del terreno circostante la zona nella quale era presente la pianta malata.


La batteriosi: Prevenzione

Foglia infetta batteriosi Per quanto concerne la prevenzione di questa malattia, ad oggi in commercio non sono presenti medicinali che siano in grado di scongiurare il diffondersi di questa minaccia. In generale però la soluzione migliore da applicare consiste nell'attuare e nel mettere in pratica una serie di meccanismi di prevenzione. Innanzitutto è bene effettuare delle analisi approfondite del terreno in modo da individuare se in esso vi siano presenti degli eccessi o delle mancanze di sostanze nutritive. Così facendo, una volta ottenuti i risultati delle analisi, potrete procedere correggendo i livelli di salubrità della terra. Un altro per prevenire l'insorgere della malattia sopracitata consiste poi nell'evitare che vi siano ristagni d’acqua nelle vicinanze delle piante. Infine, è importante assicurarsi che gli attrezzi usati per il giardinaggio vengano puliti e disinfettati prima di ogni utilizzo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO