Giardini

Giardini: lo stile è una scelta personale

Che cos'è un giardino se non un modo di riorganizzare la natura e i suoi spazi? L'organizzazione permette di dare forma ad un contesto che crescendo in modo incontrollato e naturale si può definire più esattamente informale. Ad un estremo, la formalità assoluta di un paesaggio è rappresentato dalla riduzione di tutti gli elementi naturali in forme geometriche. All'altro estremo, l'informalità assoluta è la completa naturalezza, dove la mano umana non impone alcun ordine alle cose.Si può quindi pensare ad uno stile che ricada tra questi due estremi o che combini elementi di ciascuno dei due? La scelta tra formale e informale, tra simmetrie e asimmetrie, tra struttura e mancanza di struttura, tra controllo e assenza di controllo può aiutare ad individuare il tipo di paesaggio più adatto al nostro giardino che sia coerente con il nostro gusto personale, a prescindere da uno stile rigorosamente prestabilito. Dall'antico frutteto da cui prende origine il giardino con funzioni utilitaristiche, fino ai moderni giardini verticali l'estetica del giardino è legata alla scelta delle specie vegetali che ospita e alla loro distribuzione all'interno dell'area adibita.
esempio di giardino strutturato

Giardini. L'arte del verde attraverso i secoli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,75€
(Risparmi 5,25€)


Il criterio della simmetria

giardino giapponese La simmetria ha caratterizzato molti giardini nel corso della storia. Gli antichi egizi impiantavano i propri giardini sulla base di linee rette e angoli retti, stile che è stato affinato in Persia e in Medio oriente, ed è stato poi trasferito in Spagna e in Italia con i saraceni. Diffondendosi, la simmetria si è adattata alle specifiche esigenze e ai gusti delle culture seguenti, così nei secoli successivi ampi giardini come quelli di Versailles, o quelli più discreti del resto d'Europa e quelli britannici, esprimevano la simmetria in molte forme, dalla geometria più semplice a forme più complesse. Anche alcuni giardini tradizionali giapponesi sono completamente o parzialmente simmetrici, ma in generale è un sottile concetto di asimmetria che caratterizza la maggior parte dei giardini nipponici. A prima vista gli elementi sembrerebbero disposti in modo casuale, ma in realtà sono posizionati accuratamente per ottenere una asimmetria che appare bilanciata da tutti i punti di osservazione. L'impatto visivo per la cultura giapponese è una predominante del paesaggio ed è determinato sia dalla massa fisica che dal peso visivo, e il giardino diventa riproduzione dell'armonia cosmica.

  • Giardino meditteraneo di lusso con limoni La progettazione del giardino è una fase delicata che richiede un minimo di conoscenza del settore. Anche per questo, soprattutto per realizzazioni complesse, è comune rivolgersi a ditte specializzate...
  • Esempio di parete verde Le pareti verdi, spazi verticali su cui si coltivano piante e fiori, sono un'innovazione che attrae e che spinge i moderni designer a cimentarsi in opere vistose, peraltro molto apprezzate. In realtà,...
  • Giardino pensile Un giardino pensile può essere adottato sia sul terrazzo che sul tetto e consente a chi vive in un immobile senza giardino di avere a disposizione un'area verde senza dover ricorrere alle piante in va...
  • Pavimento per giardino I pavimenti per giardini sono soluzioni progettuali che danno valore alle aree verdi dando un tocco di ordine e di design in più. Inoltre consentono di accogliere meglio i propri ospiti. I pavimenti p...

Al giardino ancora non l'ho detto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,75€
(Risparmi 2,25€)


Naturale non sempre è sinonimo di spontaneo

giardino all'inglese L'equilibrio asimmetrico è meno facilmente percepito dell'equilibrio simmetrico ed è utilizzato per fare sembrare naturale, spontaneo e informale ciò che invece è altrettanto formale in quanto organizzato e guidato dalla mano umana. Nell'apparente casualità, l'aspetto naturale traspira una straordinaria stabilità, come se esistesse da sempre in quella forma. I giardini più informali sono quelli naturalistici, in cui il design non concede nulla ai principi di simmetria e asimmetria poiché il tentativo principe è quello di ricreare un paradiso naturale. L'equilibrio simmetrico e la cura rigorosa della forma delle piante e la loro collocazione può quindi non essere necessariamente una preoccupazione: effetti naturali piacevoli possono essere ottenuti disponendo gli elementi in modo da suggerire un paesaggio naturale che farà da guida nella disposizione di piante, rocce ed altri elementi. Anche in un giardino naturalistico, spontaneo e informale si potrebbe però voler inserire un tocco di simmetria, aggiungendo per esempio un pergolato rustico, che all'interno di un paesaggio naturale rinivia al senso classico del giardino.


Giardini strutturati e spontanei

giardino all'italiana I giardini strutturati sono quelli in cui è evidente il progetto: edifici e servizi, come ponti, vialetti e cortili, rafforzano il senso della struttura. La maggior parte dei giardini in stile formale rispettano un piano di design: piante potate pesantemente, arbusti di bosso accuratamente sagomati in topiaria, danno l'esatta dimensione del luogo in cui ci si trova e del peso che vi ha l'intervento umano. L'arte topiaria è un'antica tecnica di sfrondamento che modifica la sagoma delle piante creando forme artistiche nel loro fogliame. Le linee curve sevono ad ammorbidire l'effetto complessivo e possono essere riprodotte con sapienza anche da una semplice passerella di mattoni. Il giardino non strutturato invece dà l'idea che sia la natura a combinare gli elementi e a determinare le forme. Porzioni di giardino non strutturato possono convivere tranquillamente in giardini strutturati. Anche gli elementi architettonici possono essere ammorbiditi del loro aspetto strutturato attraverso l'azione degli agenti atmosferici. Il legno grezzo, ad esempio scurisce o diventa grigio assumendo quella morbidezza che lo integra con la natura.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO