Impianto elettrico esterno

Creazione di un impianto elettrico esterno

L'elettricità è sicuramente una forma di energia facilmente trasportabile, anche se necessita di un impianto elettrico esterno o interno solido. In realtà, se si pensa al funzionamento di un impianto elettrico sembra che sia un processo semplice in quanto cavi conduttori all'interno delle pareti e dei solai di un immobile distribuiscono elettricità al semplice scatto di un interruttore. Invece, il funzionamento di un sistema di fornitura elettrica è un processo complesso. Nonostante ciò, di recente, è cresciuta - in maniera esponenziale - la tendenza a costruire impianti elettrici in autonomia. Sia trattasi di un impianto elettrico interno sia di un impianto elettrico esterno, il fai da te ha toccato anche un settore così complesso. Per ragioni di sicurezza, va precisato - per chi si cimenta in questa impresa - che l'impianto elettrico esterno o interno va testato e verificato da esperti del mestiere che devono garantire e certificare la sicurezza dell'impianto prima di renderlo operativo.
Il fascino dell'elettricità

DriBox 200 - Scatola di connessione elettrica da esterno, impermeabile Verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,52€


Come realizzare un impianto elettrico esterno

Cavi elettrici esterni L'elettricità può essere classificata come elettricità che scorre - dinamica - ed elettricità statica quando non si muove. L'elettricità in movimento è chiamata in maniera più appropriata corrente elettrica e può essere utilizzata soltanto in presenza di un impianto elettrico, tranne pochissimi casi in cui è sufficiente una batteria. Immaginiamo di voler creare un impianto elettrico esterno quindi parliamo di elettricità dinamica. Un impianto elettrico esterno può essere utilizzato sia per usi esterni come ad esempio l'illuminazione oppure per usi interni anche se l'impianto con un sistema di cavi nascosti viene montato attraverso canaline all'esterno dell'immobile. Facile immaginare che i tutti i fili elettrici di un impianto esterno devono essere opportunamente isolati da guaine plastiche che impediscano possibili dispersioni o corti circuiti tra i cavi. In pratica, per creare un impianto funzionante è necessario collegare i cavi conduttori ad una cassetta elettrica attiva e individuare i punti ove posizionare la presa di corrente, la predisposizione per l'attacco e l'interruttore.

  • Scintille provocate da un cortocircuito Il cortocircuito rappresenta un problema che si può verificare quando si utilizzano apparecchiature elettriche molto vecchie. Consiste in un contatto che si viene a creare accidentalmente tra due pola...
  • Linee di alimentazione Volendo iniziare ad eseguire una progettazione impianti elettrici c'è da non dimenticare mai che con l'elettricità non bisogna distrarsi. Comunque è sempre meglio conoscere qualche nozione fondamental...
  • esempio di cavi elettrici I cavi elettrici sono sistemi di conduzione e trasmissione della corrente elettrica, generalmente costituiti da un'anima interna costituita da più fili conduttori o fibre ottiche intrecciati tra loro....
  • Adattatore spina elettrica Bticino è un'azienda solida, nata dalla passione e dalla qualità del prodotto in Nord Italia, più precisamente nel varesotto. Ad oggi conta più di 50 sedi in tutto il mondo ed è in rapida espansione. ...

Electraline 60458 Contenitore Stagno con Presa Bivalente e Deviatore, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Impianto elettrico esterno: Come metterlo in funzione

Illuminazione giardino Un impianto elettrico esterno per essere perfettamente funzionante deve rispettare le condizioni dettate dalla cassetta elettrica madre inizialmente individuata. La cassetta elettrica sarà collegata con dei cavi elettrici ad un'altra cassetta detta scatola di derivazione che sarà montata in prossimità dell'interruttore. La scatola di derivazione dell'impianto elettrico esterno ha in pratica tre uscite necessarie a collegare cassetta madre, interruttore e presa. Come già ricordato per i collegamenti è bene utilizzare delle calotte stagne che permettono il passaggio della corrente e non mettono a rischio il funzionamento dell'impianto elettrico esterno in caso di condizioni metereologiche avverse. Se l'impianto creato è ad uso illuminazione sarà necessario creare un ulteriore collegamento dall'interruttore alla eventuale plafoniera. Per concludere, oltre questi passaggi fondamentali di natura strutturale, il lavoro termina con i collegamenti dei fili conduttori tra le due estremità dell'impianto che, in effetti, rappresenta il processo più complicato in quanto in questa fase sarà necessario smistare l'elettricità attraverso l'uso di morsetti a cappellotto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO