Impianto elettrico

Schema di un impianto elettrico

Lo schema di un impianto elettrico è una riproduzione su carta dell'andamento dell'impianto all'interno di un piano di una costruzione. Questo tipo di progetto viene preparato da personale esperto, in grado di comprendere come distribuire spine e prese all'interno di un'abitazione e di preparare un impianto totalmente in regola con le leggi vigenti. Nelle abitazioni di nuova costruzione la progettazione e la posa in opera di un impianto elettrico deve seguire una serie di regole, che ne permettono la dichiarazione di conformità delle norme vigenti. Solo un elettricista abilitato può produrre la necessaria documentazione che permette di considerare un impianto a norma. Lo schema dell'impianto elettrico viene preparato da un progettista esperto, ma sicuramente il committente può richiedere il posizionamento di spine e prese nelle posizioni che preferisce. All'interno dell'impianto si deve anche considerare la preparazione di una centralina di comando di tutto l'impianto.
Tubature per l'impianto elettrico

Rilevatore di Presa di Corrente Tester ,Tacklife EST02 con GFCI(Protezione differenziale di dispersione verso terra) per Circuiti Elettrici Misuratore di Polarità Tester Neutro e Terra 1 Pezzo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 4,99€)


Impianti elettrici domestici

Impianto elettrico domestico Gli impianti elettrici domestici sono quelli che si preparano nelle abitazioni ad uso civile, ma anche nelle scuole o nei locali commerciali. Il concetto di impianto elettrico domestico è quindi abbastanza ampio, estendibile a tutte le costruzioni dove si ha un elevato passaggio di persone. Questo tipo di impianti è costituito da una centralina, da dove si possono scollegare con un singolo tasto l'intero impianto o solo alcune sezioni di esso, ad esempio solo le spine cui sono collegati gli elettrodomestici. Dalla centralina si dipartono numerosi tubi, entro cui vengono fatti passare dei cavi che giungono in ogni ambiente dell'abitazione, per fornire energia elettrica ad ogni spina e ad ogni interruttore. Nelle abitazioni vecchie in Italia gli impianti elettrici sono di solito dimensionati in modo da sopportare senza problemi una tensione di 3 kw; nei nuovi impianti i 3 kw sono supportati per legge dagli impianti in abitazioni di dimensioni inferiori ai 75 metri quadrati; negli appartamenti più ampi si devono predisporre impianti che supportino i 6 kw.

  • Scintille provocate da un cortocircuito Il cortocircuito rappresenta un problema che si può verificare quando si utilizzano apparecchiature elettriche molto vecchie. Consiste in un contatto che si viene a creare accidentalmente tra due pola...
  • Linee di alimentazione Volendo iniziare ad eseguire una progettazione impianti elettrici c'è da non dimenticare mai che con l'elettricità non bisogna distrarsi. Comunque è sempre meglio conoscere qualche nozione fondamental...
  • esempio di cavi elettrici I cavi elettrici sono sistemi di conduzione e trasmissione della corrente elettrica, generalmente costituiti da un'anima interna costituita da più fili conduttori o fibre ottiche intrecciati tra loro....
  • Adattatore spina elettrica Bticino è un'azienda solida, nata dalla passione e dalla qualità del prodotto in Nord Italia, più precisamente nel varesotto. Ad oggi conta più di 50 sedi in tutto il mondo ed è in rapida espansione. ...

Merlotti 40.406 Isolatori per Cavi Trecciati, 6 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,87€


Impianti elettrici industriali

Centralina Gli impianti elettrici industriali sono quelli posti all'interno di strutture produttive, come capannoni o aziende di vario tipo. Molto spesso questi impianti devono permettere il funzionamento di macchinari che richiedono ampie quantità di energia elettrica, come ad esempio le macchine a controllo numerico. Mentre negli impianti elettrici civili la diffusione della rete elettrica avviene in tubature nascoste, poste nelle pareti o nella pavimentazione, molto spesso gli impianti elettrici industriali sono costituiti prevalentemente da cavi posti in tubature a vista. Questo perché risulta molto più semplice verificare e riparare eventuali guasti o rotture, senza la necessità di rompere parti in muratura. Gli impianti elettrici industriali sono spesso collegati alla rete di distribuzione pubblica; può però capitare che, per aziende che necessitano di ampie quantità di energia elettrica, il loro impianto comprenda anche una piccola centralina per lo smistamento della corrente elettrica. In ogni caso si deve sempre considerare che tali impianti assorbono ampie quantità di energia, devono quindi essere dimensionati in modo assai diverso rispetto a quelli predisposti per le abitazioni.


Preventivi impianti elettrici

Centralina domestica Prima di decidere di farsi installare un nuovo impianto conviene ottenere diversi preventivi di impianti elettrici, in modo da scegliere il prezzo migliore, a parità di spine, prese e dotazioni di sicurezza. Oggi la legge italiana descrive chiaramente le dotazioni minime di un impianto, per avere un preventivo corretto conviene però riferire al professionista contattato tutti i desideri e le necessità del padrone di casa, in modo che sia possibile comprendere nel preventivo tutto ciò che si dovrà effettivamente porre in opera. Conviene sempre ricordare che, per essere a norma, un impianto elettrico deve essere predisposto da personale abilitato a farlo: non è quindi consigliabile effettuare i lavori da soli. Questo anche perché l'impianto elettrico costruito senza seguire le norme potrebbe anche rivelarsi pericoloso. Nel preventivo deve essere compresa anche la centralina, per il comando dei diversi punti dell'impianto, e la messa a terra.


Impianto elettrico di cantiere

L'impianto elettrico di cantiere è una particolare versione dell'impianto elettrico, che si prepara in un cantiere, in cui avviene la costruzione di nuove abitazioni o la ristrutturazione di costruzioni esistenti. Visto che nell'edificio in questione non è presente l'energia elettrica, è necessario preparare un impianto cosiddetto volante, che sarà subito smantellato alla fine dei lavori. Questo tipo di impianto elettrico può essere alimentato dalla rete pubblica, con un punto di accesso temporaneo; in alcuni casi però è necessario predisporre un impianto alimentato da un generatore di corrente, o che preleva la corrente elettrica tramite una stazione di trasformazione, collegata direttamente con i cavi dell'alta tensione. In ciascuno di questi casi è importante che l'impianto segua le norme di legge e che sia posato da personale abilitato.


Misure di sicurezza impianto elettrico

realizzazione impianto elettrico Ogni impianto elettrico posato in Italia deve comprendere delle misure di sicurezza. Questo perché l'energia elettrica, anche se a bassa tensione, è particolarmente pericolosa e può causare incidenti anche mortali per le persone. Per questo motivo le norme vigenti obbligano gli elettricisti a predisporre particolari strumenti all'interno dell'impianto elettrico, in modo da diminuire drasticamente ogni possibilità di rischio. La prima cosa che si prepara in un impianto è la centralina, dove deve essere presente il cosiddetto salvavita; si tratta di un dispositivo che toglie la tensione all'impianto in caso di assorbimento anomalo. Quindi se si rovina un cavo, se si infila un cacciavite in una spina o se un elettrodomestico ha un cortocircuito, l'impianto elettrico rimane subito senza corrente, evitando ulteriori incidenti. La centralina deve disporre anche di pulsanti per distaccare rapidamente la tensione a tutto l'impianto, e anche ad alcune zone predefinite. Questo tipo di impianti, sia civili che industriali o di cantiere, devono anche essere muniti di presa a terra.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO