Irrigazione automatica

Il perchè di un impianto automatico

Somministrare una corretta quantità d’acqua a seconda del fabbisogno idrico di ciascuna pianta, nei modi e nei tempi corretti, è già un'eccellente motivazione per giustificare l'installazione di un impianto di irrigazione automatica, definito spesso anche come irrigazione goccia a goccia. Un’irrigazione frequente e calibrata consente innanzitutto di evitare sprechi idrici inutili, di preservare il terreno da eventuali ristagni (spesso dannosi per le radici e ricettacolo di insetti), di ossigenare il terreno mantenendolo nel giusto stato, favorendo lo sviluppo della pianta. L'irrigazione automatica, nel giardinaggio, non è soltanto uno sfizio, ma spesso diviene una necessità pratica, funzionale e organizzativa, soprattutto per chi opera in vivai oppure in grandi parchi e giardini, con un'attenzione particolare all'ambiente e alle risorse.
Irrigazione automatica

Claber 53921 8425 Aquauno Pratico Programmatore, Nero/Arancione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,69€
(Risparmi 0,21€)


Come funziona

Componenti sistema irrigazione Un impianto di irrigazione automatica ha il suo cuore nella centralina di programmazione e nei materiali prescelti per la sua costruzione. Il funzionamento è semplice: una centralina consente di stabilire sia automaticamente che in maniera personalizzata, i tempi di irrigazione quotidiana che le piante necessitano, in base al loro fabbisogno di acqua. L'acqua passa per delle piccole tubazioni e viene espulsa a beneficio della pianta da gocciolatori e da microirrigatori, in grado di garantire un flusso continuo nel tempo. Stando alla tipologia di pianta e alla struttura del terreno ad essa necessario, i gocciolatori sono regolabili, aprendoli maggiormente per un passaggio superiore di acqua oppure chiudendoli per centellinare meglio la risorsa. Un impianto di irrigazione automatica non è dunque meramente un timer apri e chiudi, ma può essere anche qualcosa in più.

  • Centralina per l'irrigazione La centralina per l'irrigazione è uno degli elementi fondamentali di un impianto di irrigazione. Questa piccola apparecchiatura infatti permette di programmare le annaffiature del giardino, anche sudd...
  • Un giardino ben irrigato Durante l'acquisto di un sistema di irrigazione, dovrete scegliere tra un impianto per il giardino, a pioggia, oppure a goccia, per l'orto. Scelta la tipologia, bisogna progettare idealmente lo schema...
  • Frutto avocado L'Avocado è una pianta da frutto appartenente al genere delle Lauracee; originario dell'America centrale e più precisamente del Messico, attualmente è assai diffuso come coltura in numerose sottospeci...

Claber 90764 Kit-Drip 20 Vasi Kit Rainjet Goccia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,9€
(Risparmi 6€)


Irrigazione automatica: Come costruirlo

Impianto automatico La realizzazione di un impianto di irrigazione automatica richiede più o meno competenze e tempo a seconda dello spazio da gestire: va da sé che per un balcone le forze in campo saranno minori rispetto ad un grande giardino o a una serra. Si trovano in commercio i componenti necessari a partire dalla centralina di programmazione, provvista magari di riduttore di pressione, da avvitare al rubinetto principale. Quindi il kit di tubi (se non è già forato bisogna forarlo con un piccolo strumento foratubo), posizionato in base al percorso delle piante e interrotto da raccordi per le giunzioni e le deviazioni dell'acqua. L'impianto si chiude con un regolatore di portata da posizionare sulla linea idrica dedicata. Per un lavoro meno professionale si può ricorrere ad un serbatoio con rubinetto da appendere in alto, a cui si avvita un tubo da giardinaggio, che sfrutta la gravità per far scendere l'acqua e diffonderla nel circuito previsto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO