Illuminazione di emergenza

Perchè si adotta l'illuminazione di emergenza

L'illuminazione di emergenza si compone di sistemi luminosi particolari che devono entrare in funzione in caso di black out, cioè quando tutte le altre luci si spengono perché manca la corrente. Ciò può essere causato da un guasto alla linea elettrica o da un sovraccarico della rete e può riguardare aree più o meno ampie. Di conseguenza appare necessario adottare sistemi che aiutino a proteggere l'incolumità delle persone che si trovano nella zona colpita dal guasto. Serviranno a segnalare le vie di fuga sicure attraverso cui lasciare i luoghi pubblici e di lavoro oltre a garantire la continuazione delle attività fondamentali come quelle degli ospedali. I sistemi utilizzati per realizzare l'illuminazione di emergenza sono tanti e diversi tra loro: in ogni caso devono garantire almeno una luminosità doppia di quella lunare durante una notte serena. Fondamentale è il fatto che permetta gli spostamenti verso i luoghi sicuri dando indicazioni sulle vie di fuga da seguire.
Torcia di emergenza

LE Lampada da Campeggio CREE LED 2 in 1, 1000lm 10W Torcia Lanterna Lampada Ricaricabile USB Portatile Luce Frontale e Laterale per Illuminazione Emergenza

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€


Le caratteristiche dell'illuminazione di emergenza in casa

Lampada al led di emergenza Anche se vengono installate soprattutto nei luoghi pubblici, di spettacolo e di lavoro, le lampade di emergenza si trovano anche nelle case. Spesso si adottano i modelli incassati nelle pareti che però devono essere disposti con criterio così da garantire un'illuminazione di emergenza a norma e un buon risultato estetico. In genere si tratta di dispositivi luminosi chiusi che racchiudono una o più lampadine fluorescenti, tuttavia vi sono anche sistemi alternativi che consentono di illuminare l'ambiente per un paio d'ore anche se l'energia elettrica va via. Sono più efficienti, più facili da pulire e da sostituire e meno invasivi per quanto riguarda l'inserimento negli ambienti domestici. Ad esempio si possono adottare lampadine a led tecnologicamente avanzate che garantiscono anche quattro ore di luce in caso di black out. Altre soluzioni sono quelle della ditta Beghelli: si tratta di lampade di emergenza in grado di autoripararsi.

  • tavoli e sedie Arredare casa è un'avventura creativa, che può manifestarsi nella scelta dei mobili e dei complementi. In particolare, meritano la massima attenzione le scelte che interessano i tavoli e le sedie, ele...
  • Un esempio di domotica Nella domotica affluiscono numerose discipline, tra cui l'architettura, l'ingegneria edile, l'ingegneria energetica, l'automazione, l'elettrotecnica, l'elettronica e l'informatica. Come abbiamo detto,...
  • Quadro moderno Importanti e sfiziosi elementi d'arredo, i quadri, si rivelano l'espediente migliore per arricchire con stile ogni stanza, conferendo vitalità e colore ad una parete altrimenti vuota. Indipendentement...
  • Esempio di studio in casa Avere uno studio in casa è diventato sempre più importante negli ultimi anni, anche in ambito lavorativo. Infatti, fino a qualche anno fa questa zona era pensata essenzialmente come un ambiente dove b...

Torcia LED,Camping Lantern USB ricaricabile LED Camp Light, emergenza SOS repellente di emergenza Illuminazione IP68 impermeabile, portatile appeso Banca di potere magnetico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,99€


Come montare una lampada di emergenza

Illuminazione di emergenza a incasso Per montare una lampada di emergenza in casa senza doversi rivolgere a un elettricista servono pochi attrezzi e un po' di manualità: si tratta di un lavoro per il quale bastano circa 30 minuti. Dopo aver acquistato il modello più adatto sia per le proprie esigenze che per i propri gusti si deve capire quale sia il posto migliore per posizionarla: è fondamentale prendere bene le misure della lampada così da essere sicuri che il dispositivo per l'illuminazione di emergenza non ingombri. Quindi si devono riportare le misure sulla parete con un pennarello, segnalando anche i punti dove fare i buchi di fissaggio con il trapano. Per il posizionamento e il montaggio è bene farsi aiutare da un'altra persona. Una volta effettuati i fori si prende la lampada e la si fissa alla parete: è necessario mettere due stop e fermare il tutto con delle viti. A questo punto si collega la lampada alla più vicina presa di corrente, magari usando una prolunga.


Illuminazione di emergenza: I requisiti che deve seguire l'illuminazione di emergenza

Ricaricare i sistemi di illuminazione L'illuminazione di emergenza deve seguire alcuni requisiti indicati dalla norma europea UNI EN 1838: oltre al grado minimo di luminosità che deve garantire, deve segnalare e rendere identificabili facilmente le vie di fuga così che le persone possano seguirle agevolmente fino a raggiungere un luogo sicuro. Per questo le lampade vanno posizionate in maniera tale da essere ben visibili ad almeno 2 metri di altezza dal pavimento. Non devono abbagliare le persone. I segnali che indicano le vie di fuga sono uniformi e con pittogrammi illuminati o retroilluminati: il loro scopo è indicare la direzione da prendere per raggiungere nella maniera più rapida e sicura la più vicina uscita di emergenza. Devono trovarsi sulle scale, a ogni incrocio dei corridoi, su ogni porta e a ogni cambio di direzione. La manutenzione deve essere annua e deve avere un fattore di 0,8.



COMMENTI SULL' ARTICOLO