Caldaia a condensazione

Cos'è la caldaia a condensazione?

Negli ultimi anni la caldaia a condensazione ha conosciuto una grande diffusione a scapito di quella tradizionale poichè, a fronte di una spesa iniziale superiore, è in grado di ottimizzare i consumi e far risparmiare notevolmente sulla spesa della bolletta energetica. Il miglioramento dell'efficienza e la diminuzione dell'impatto ambientale sono le due caratteristiche fondamentali di questo tipo di apparecchio. Infatti, il funzionamento di questa caldaia, che può essere alimentata a metano, gpl o gasolio, consente di recuperare e utilizzare il calore dei fumi di combustione e del vapore acqueo in esso contenuti. In tal modo viene sfruttata una risorsa di calore che normalmente nelle caldaie tradizionali non viene riutilizzata. La diretta conseguenza è che, a parità di quantità di calore prodotto, la caldaia a condensazione consuma meno combustibile. Fonte: nu-heat.co.uk
Modello caldaia a condensazione

Caldaia Ferroli Divacondens 24kW+ kit fumi omaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 687,25€


Funzionamento

Funzionamento caldaia a condensazione Come abbiamo già accennato prima, la caldaia a condensazione è da preferire a quella tradizionale perchè è più efficiente. Dal punto di vista tecnico, la maggior resa dipende dal recupero del calore dei fumi prima che vengano espulsi attraverso il camino. Nelle caldaie tradizionali, per evitare che la condensazione dei fumi rovini la caldaia stessa, questi vengono eliminati, con tutto il vapore acqueo contenuto al loro interno, tramite il camino. Nel modello a condensazione, invece, il calore dei fumi viene recuperato e riutilizzato per preriscaldare l'acqua in ingresso nella caldaia. In tale modo la temperatura dei fumi in uscita si attesta sui 40°, un valore notevolmente più basso rispetto ai valori delle caldaie ad alto rendimento (160°) e di quelle tradizionali (200° - 250°).

I fumi a bassa temperatura vengono espulsi con l'aiuto di un ventilatore installato a monte del bruciatore.

  • Fare i conti Spegnere le luci di giorno o quando non ci si trova nella specifica stanza, impostare il termostato che regola il riscaldamento a 20 gradi, utilizzare il meno possibile il forno ecc. I suggerimenti pe...
  • Donna che stira Il ferro da stiro rientra nella categoria dei piccoli elettrodomestici, ma si può ben dire che la sua importanza in casa non è affatto piccola. Gli indumenti che vengono lavati nella lavatrice, anche ...
  • Manutentore che redige il rapporto tecnico La revisione della caldaia viene affidata ad una ditta installatrice che provvede alla sua corretta manutenzione, e al controllo dell'efficienza energetica tramite l'analisi di combustione. La revisio...
  • La caldaia in garage è vietata La norma UNI CIG 7129 vieta l'installazione di apparecchi a gas in locali classificati con rischio di incendio, come garage, box auto e rimesse. Sono definite autorimesse gli ambienti riservati solo a...

Caldaia a Gas A Condensazione Baxi Luna3 Avant+ 24 kW Erp Metano

Prezzo: in offerta su Amazon a: 717,95€


Vantaggi delle caldaie a condensazione

caldaie a condensazione La tipologia a condensazione è la scelta ideale se la spesa annuale per l'acqua calda sanitaria e per il riscaldamento è elevata, circostanza che di solito si verifica nelle case di grandi dimensioni. Nelle caldaie migliori, si riescono ad ottenere rendimenti che raggiungono quasi il 110%. Inoltre, grazie alle tecnologie di costruzione utilizzate, quando una caldaia tradizionale viene sostituita con una a condensazione, è possibile installarne una di potenza inferiore. Ovvero, se in una abitazione è presente una caldaia tradizionale di 30kW, può essere cambiata con un modello a condensazione da 25 kW, e una diminuzione dei consumi del 15% circa. Inoltre, dal momento che quella a condensazione ha un rendimento maggiore, del 16/17% rispetto alla tradizionale, il risparmio totale in bolletta sale al 30% circa e oltre. Fonte: forbes.com


Altri aspetti positivi

moderna caldaia a condensazione Abbiamo visto che il vantaggio principale dell'installazione di una caldaia a condensazione è economico. Certo, la spesa iniziale è superiore rispetto a quella tradizionale, ma è stato stimato che l'ammortizzamento dei costi avvenga in sette anni, durante i quali le spese energetiche si abbassano del 30%. Un altro aspetto positivo è la possibilità di avere incentivi statali per l'installazione della tipologia a condensazione. Sfruttando le detrazioni fiscali del 65%, il recupero dell’investimento può avvenire in tempi ancora più brevi rispetto a quelli prospettati, attorno ai tre anni. Infine non bisogna sottovalutare la riduzione dell'impatto ambientale: con le caldaie a condensazione si riducono in maniera significativa le emissioni di gas dannosi come l'anidride carbonica e l'ossido di azoto, favorendo la diminuzione dell’inquinamento urbano. Fonte: crops4energy.co.uk


Direttiva europea

Il 26 settembre del 2015 è entrata in vigore la cosiddetta normativa Eco-Design, che recepisce una direttiva europea emanata nel 2005. Secondo tale normativa, a partire dalla data indicata, per i produttori non è più stato possibile commercializzare modelli di caldaia tradizionale o di bassa classe energetica.

Inoltre è entrato in vigore l'obbligo di immettere sul mercato caldaie dotate della nuova etichetta energetica che ne evidenzia la classe di efficienza, compresa tra A++ e G.

Una volta terminate le scorte di magazzino di modelli tradizionali, per il cittadino è diventato obbligatorio acquistare i modelli a condensazione da installare nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni. Questo obbligo vale per gli edifici mono-familiari e per gli edifici con più unità abitative dotate di scarico in canna collettivo.


Caldaia a condensazione: Caldaie a condensazione prezzi

Caldaie a condensazione prezzi Sono diversi i fattori che incidono sui prezzi delle caldaie a condensazione. Il primo è la potenza dell'apparecchio, che dipende sostanzialmente dall'ampiezza degli ambienti da riscaldare e dalla necessità o meno di produrre acqua calda sanitaria.

Se la caldaia viene usata solo per riscaldamento, in un appartamento di dimensioni comprese tra gli 80 e i 120 mq la potenza necessaria oscilla tra i 7 e i 12 kW circa, in base alla zona climatica in cui si trova l'immobile e al suo livello di isolamento termico.

Nel caso, molto più diffuso, di produzione di acqua calda, la potenza varia tra i 15 e i 35 kW, a seconda del numero di bagni da servire.

Per potenze di 20-24 kW i prezzi medi dei modelli base si aggirano sui 1000 euro, mentre per potenze di 30-35 kW si arriva a un massimo di 1800 euro.

Se invece c'è la necessità di funzionalità più evolute, come la centralina collegata ad una sonda esterna, i prezzi sono destinati a salire.



COMMENTI SULL' ARTICOLO