Quinto conto energia

Il Quinto Conto Energia

Tramite il Quinto Conto Energia, detto anche DM 5 Luglio 2012, si erano ridefiniti gli iter per accedere agli incentivi per chi produceva energia elettrica tramite pannelli fotovoltaici. Il Quinto Conto Energia era scattato dal 27 agosto 2012 e prevedeva costi indicativi cumulati annui degli incentivi uguali a 6 miliardi di euro. A giugno 2013, a seguito della comunicazione da parte del GSE del raggiungimento dei costi indicativi di 6,7 miliardi di euro, come da legge, il Quinto Conto Energia non venne più applicato. Questo accadde a partire dal 6 luglio 2013, ovvero trascorsi 30 giorni dal raggiungimento della soglia indicata. Provvedimento, quindi, dalla vita abbastanza breve. Gli ambiti di applicazione riguardavano gli impianti fotovoltaici classici, quelli a concentrazione e quelli innovativi. Per quanto previsto dal DM 5/07/2012 gli incentivi si applicavano per le nuove costruzioni, i rifacimenti totali e i potenziamenti di impianti già preesistenti.
Serie di pannelli fotovoltaici

QUMOX Porta senza fili Wireless Twin Doorbell Door Chime Portable Home senza fili

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Come si accedeva al Quinto Conto Energia

Fotovoltaico installato su un tetto Dato per certo che gli incentivi del Quinto Conto Energia sono terminati da qualche anno ormai, può essere comunque interessante sapere come si accedeva a queste tariffe incentivanti. Era previsto un accesso di tipo diretto e uno tramite registro. Il primo prevedeva, per l'appunto, un accesso diretto, dopo aver presentato una domanda al GSE per gli impianti con potenza fino a 50 kW installati su immobili dove si erano sostituite coperture in eternit o amianto. Era previsto anche per gli impianti la cui potenza iniziale non superava i 12 kW e per cui si incrementava la potenza per un valore non superiore a 12 kW. Valeva, inoltre, per gli impianti innovativi e quelli la cui realizzazione era prevista dalle Amministrazioni Pubbliche. Infine valeva per gli impianti con potenza compresa tra 12 e 20 kW e soggetti ad incrementi di potenza non superiori a 20 kW nè inferiore a 12 kW. In alternativa, per le altre tipologie di impianto, bisognava iscriversi nei registri del GSE pubblicati periodicamente.

  • conto energia Il conto energia è un programma messo a punto dall'Unione Europea e prevede l'erogazione ai privati di vari incentivi, così da favorire l'installazione di impianti fotovoltaici grid connected, cioè ch...
  • esempio Pellicola fotovoltaica La pellicola fotovoltaica è un'innovativa alternativa ai classici e più diffusi pannelli solari. Questi ultimi hanno una struttura rigida di una certa misura e sovente anche dei supporti per fissarla ...
  • Pannelli solari fotovoltaici I pannelli solari fotovoltaici sono strutture ad elevata tecnologia che permettono di produrre energia elettrica dalla luce solare. Un impianto è costituito da un certo numero di pannelli collegati tr...
  • pannelli fotovoltaici sui tetti In un periodo in cui si deve sempre di più stare attenti al portafoglio, i pannelli fotovoltaici possono essere una soluzione ottimale, poiché consentono di diminuire i costi della bolletta se non add...

Arendo - Timer meccanico 24h | 24 Ore Plug in Timer| 96 segmenti di commutazione | Regolatore a cursore per indicazione dell'ora | Indicazione dello stato | Selettore per la funzione On/Auto | Comando semplice/compatto | 3680W | Sicura per bambini

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,85€


La richiesta degli incentivi sotto il piano pratico

Il fotovoltaico garantisce incentivi Una volta che si era verificato di essere in possesso di tutti i requisiti previsti per la concessione dei benefici, occorreva sapere come procedere per inoltrare la richiesta per gli incentivi sotto il piano pratico. Il tutto andava fatto per via informatizzata, direttamente all'interno dell'Are Clienti del sito del GSE. Era possibile inviare le documentazioni per richiedere gli incentivi e per l'iscrizione al registro. C'erano dei tempi da rispettare per questo. Le richieste andavano presentate entro e non oltre 15 giorni dal momento in cui l'impianto entrava in esercizio. Trattandosi di un'area personale, e quindi per questo completamente riservata, ciascun utente che volesse beneficiare del Quinto Conto Energia doveva registrarsi al portale del GSE. Si ottenevano, in questa maniera, le credenziali d'accesso. Per poter proseguire si doveva abilitare la voce FTV-SR e selezionare subito la sezione per l'invio.


Le tariffe incentivanti del Quinto Conto Energia

Installazione di pannelli fotovoltaici Il Quinto Conto Energia prevedeva diverse tariffe incentivanti che comprendevano l'energia prodotta (considerata nel suo valore netto) ed una cosiddetta tariffa premio, ovvero quella che invece veniva consumata sul posto. In particolare, per quanto concerne la prima voce si differenziavano gli impianti in base alla loro potenza nominale. Da una parte si collocavano gli impianti con una potenza fino a 1 MW che comprendevano nel loro gruppo anche quelli cosiddetti innovativi e quelli a concentrazione. Se la potenza nominale degli impianti da considerare era maggiore ad 1 MW, a chi ne aveva il diritto veniva erogata la differenza tra la tariffa onnicomprensiva ed il costo zonale. Quest'ultimo parametro era sicuramente quello che più di tutti era suscettibile a variazioni. Solo la tariffa premio era prevista per gli impianti con potenza non superiore a 20 kW che consumavano l'energia prodotta ma non la immettevano nella rete. Le tariffe incentivanti venivano riconosciute per 20 anni e rimanevano costanti per tutto questo periodo.


Maggiorazione tariffe incentivanti

Il Decreto Ministeriale 05/07/2012, ovvero il Quinto Conto Energia, prevedeva che si avessero, al verificarsi di determinate condizioni, alcune maggiorazioni sulle tariffe incentivanti. Queste erano previste, ad esempio, per qualsiasi tipologia di impianto fotovoltaico le cui componenti fossero state realizzate in maniera esclusiva all'interno di un Paese appartenente alla Comunità Europea. Per completezza è bene ricordare che questi sono Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Danimarca, Irlanda, Regno Unito, Grecia, Portogallo, Stagna, Austria, Finlandia, Svezia, Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Romania e Croazia.

Le maggiorazioni riguardavano, poi, qualsiasi impianto realizzato su immobili che in precedenza prevedevano una copertura in eternit o amianto, successivamente rimossi.


Quinto conto energia: Regimi fiscali Quinto Conto Energia

pannelli fotovoltaici Interessante appare analizzare quelli che sono i regimi fiscali che riguardavano il Quinto Conto Energia. E' direttamente l'Agenzia delle Entrate che regolamenta la disciplina fiscale degli incentivi per gli impianti di tipo fotovoltaico. E' prevista normalmente l'IVA agevolata al 10% in base a quanto stabilito dal DRR n° 633 del 1972. L'IVA è sempre quella relativa agli acquisti e alle realizzazioni degli impianti fotovoltaici. Secondo quanto previsto dall'articolo 19 del suddetto Decreto Presidenziale, qualsiasi spesa sostenuta per acquistare o costruire l'impianto fotovoltaico è soggetta a detraibilità. Per quanto riguarda le tariffe incentivanti, è stato sempre chiarito che queste non sono mai soggette all'IVA proprio perché vengono configurate al pari dei finanziamenti a fondo perduto. Si comprende che nel momento in cui si decide di approfittare dei benefici dovuti a provvedimenti come il Conto Energia è indispensabile comprenderne gli aspetti fiscali.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO