Contabilizzazione calore

Perché effettuare la contabilizzazione del calore in tempi rapidi

La contabilizzazione del calore nei condomini è un'operazione fondamentale per uniformare gli impianti centralizzati di riscaldamento alle disposizioni previste dalla normativa europea per l'efficienza energetica degli edifici e il risparmio nei consumi (2012/27/UE). Il termine indicato nella legge italiana che ha recepito quella comunitaria è fissato al 31 dicembre 2016, tuttavia il tempo a disposizione degli amministratori condominiali è poco perché i lavori vanno eseguiti a caldaie spente. Infatti si deve svuotare tutto l'impianto di riscaldamento dell'acqua e smontare i termosifoni. Di conseguenza la procedura può essere effettuata solo in estate e in tarda primavera. E dal primo gennaio 2017 il decreto legislativo 102/2014 prevede multe dai 500 ai 2500 euro per i condomini dove vi siano appartamenti in cui non sia stata approntata la contabilizzazione del calore. Alcune Regioni, poi, hanno stabilito termini ancora più stringenti come la Lombardia in cui la data di scadenza per adeguarsi era agosto 2014.
Sistema di contabilizzazione del calore

GEOLITE KG. 25 (189850)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,3€


Che cosa prevede la contabilizzazione del calore

Gestione autonoma del riscaldamento La contabilizzazione individuale del calore è una procedura che riguarda tutti gli edifici con più appartamenti il cui riscaldamento è alimentato dalla stessa centrale termica, che sono cioè serviti da un sistema centralizzato. L'esempio più classico è quello del condominio. L'obiettivo è quello di aumentare i risparmi energetici facendo pagare a ogni appartamento la quantità di energia effettivamente consumata per riscaldare o climatizzare l'unità immobiliare. Infatti il sistema di riscaldamento centralizzato prevede la ripartizione delle spese in base alla metratura dell'appartamento, mentre la contabilizzazione del calore consentirà di pagare solo per ciò che effettivamente si è deciso volontariamente di consumare. Di conseguenza, i risparmi energetici saranno più o meno consistenti a seconda della situazione individuale. Si ricorda infine che per avere risparmi più consistenti si deve associare alla contabilizzazione del calore un buon isolamento termico.

  • Lavori di manutenzione di stabili Le spese di manutenzione degli stabili sono solitamente suddivise fra tutti i condomini che abitano nello stabile stesso. In genere le spese per la manutenzione vengono suddivise fra spese di ordinari...
  • Edificio che ospita un condominio Quando ci si chiede come diventare amministratore di condominio, pochi si rendono conto che non esiste un iter specifico, in quanto questa figura non è regolata da alcuna legge. Di conseguenza, chiunq...
  • Le spese condominiali Le spese condominiali sono quelle che riguardano la gestione delle aree comuni e dei servizi condominiali, come l'ascensore, il riscaldamento e le scale. Si dividono in spese ordinarie e straordinarie...
  • Parcheggi condominiali Secondo la legge, i parcheggi condominiali costituiscono parti comuni del condominio. Di conseguenza, la proprietà degli spazi destinati al parcheggio spetta a tutti i condomini, i quali hanno il diri...

Pannello radianti a infrarossi TIH 700 S + Piedi di appoggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 214,97€


La contabilizzazione individuale del calore e la contabilizzazione indiretta

Sistema per la contabilizzazione del calore La contabilizzazione del calore riguarda sia i condomini che i singoli appartamenti. Nel primo caso gli amministratori devono far installare dispositivi per la contabilizzazione del calore e collegarli a centraline di rilevamento per registrare i consumi dell'edificio e farne una stima in euro. Nel secondo caso, si monitoreranno i consumi di ogni singola abitazione. I dispositivi sono chiamati contabilizzatori di calore e si installano su ogni termosifone per regolare autonomamente la temperatura, controllare e misurare il calore. Alla contabilizzazione del calore va infatti accoppiata la termoregolazione. Resta da tenere a mente però che la quasi totalità degli edifici dovrà ripiegare sulla contabilizzazione del calore indiretta perché costruiti prima degli anni Ottanta: di conseguenza non rispondono affatto agli attuali criteri di risparmio energetico. La maggior parte, infatti, alimenta i termosifoni con le classiche caldaie a gasolio centralizzate.


Contabilizzazione calore: Come fare la contabilizzazione del calore indiretta

Valvola termostatica La contabilizzazione indiretta del calore è l'unica possibile negli edifici in cui l'impianto di riscaldamento si basa sulla diffusione tramite colonne montanti. Anche se sono sistemi molto datati e che non rispondono agli standard per l'efficienza energetica sono ancora molto diffusi in Italia. In questo caso si installa su ogni termosifone un ripartitore di calore dotato di due sensori che misurano rispettivamente la temperatura dell'area della stanza e quella della superficie del calorifero stesso. Questi valori permettono di calcolare quanta energia termica emette complessivamente un termosifone e, sommando i dati di tutti i caloriferi, si conoscerà quanta energia viene consumata dall'appartamento. Le valvole termostatiche, poi, consentono di regolare il flusso di acqua calda all'interno del termosifone e di determinarne i consumi e il calore irradiato di volta in volta.



COMMENTI SULL' ARTICOLO