Posa autobloccanti

Posa autobloccanti: metodo facile e veloce

La posa autobloccanti è ideale per chi desidera realizzare una pavimentazione fai da te in grado di garantire la massima resistenza a carichi pesanti. I blocchetti autobloccanti sono facili da utilizzare e la loro posa è alquanto semplice: è sufficiente sistemarli su una superficie trattata con uno strato di sabbia compatta e in seguito assestarli con un vibratore motorizzato o un battitoio manuale. Al fine di ottenere il massimo risultato è opportuno acquistare dei masselli con uno spessore idoneo alle sollecitazioni a cui il pavimento sarà sottoposto: per esempio nel caso di una pavimentazione pedonale e carrabile, non soggetta al passaggio di mezzi particolarmente pesanti, è sufficiente uno spessore di 5-6 cm; nel caso di passaggio di mezzi pesanti, invece, bisogna aumentare lo spessore del 30-40%.
Posa autobloccanti ideale per carichi pesanti

Westinghouse Lighting Bendan Lampadario con Ventilatore R7s, 80 W, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 149,88€


Tecniche principali posa autobloccanti fai da te

È fondamentale spianare bene la sabbia La posa autobloccanti deve essere realizzata su un fondo compatto e ben livellato. Una volta accertato che la superficie da pavimentare è libera da manto erboso e materiali duri è infatti possibile procedere al livellamento del terreno grazie all'ausilio di un rullo o di un battitoio. Se la pavimentazione in corso di realizzazione sarà soggetta al passaggio di veicoli pesanti, è inoltre opportuno scavare una buca profonda almeno 10-12 cm e riempirla di pietrisco al fine di realizzare una base solida. Una volta livellato il fondo è possibile versare la sabbia e in assenza di un bordo di contenimento, come ad esempio un muretto di recinzione, è necessario realizzarne uno grazie all'utilizzo di appositi cordoli di cemento, laterizio o pietra già pronti, che dovranno essere collocati su una gettata di cemento che dovrà percorrere il perimetro della pavimentazione. Una volta versata la sabbia, per uno spessore di circa 60-80 mm, è necessario allargarla e spianarla utilizzando un rastrello, per poi ultimare l'operazione grazie all'ausilio di una tavola su cui battere con il mazzuolo.

  • Elegante vialetto  in autobloccanti tipo cotto Le mattonelle autobloccanti per esterno sono prodotte in calcestruzzo e sono disponibili in varie forme. La loro caratteristica è che vengono posate su un fondo di materiale sabbioso a secco. Le matto...
  • Mattoni refrattari nel camino I mattoni refrattari sono materiali edili che hanno la particolarità di resistere notevolmente al calore, rimanendo inalterati anche ad una temperatura di circa 530°C. Sono formati con ossido d'allumi...
  • Masselli autobloccanti multicolor I masselli autobloccanti sono dei mattoni in calcestruzzo che vengono utilizzati per pavimentare grandi aree esterne come parcheggi, vialetti, piazze e giardini. È un'ottima alternativa alle classiche...
  • Piscina e pavimenti autobloccanti per esterno I pavimenti autobloccanti per esterno, grazie al loro aspetto estetico e alla facilità di posa, sono tra le realizzazioni più diffuse. Marciapiedi, zone pedonali, strade, parcheggi, cortili e vialetti...

Camp RIMUOVI MUFFA, Antimuffa igienizzante professionale, Elimina rapidamente muffe, funghi, muschi e alghe

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,55€


Posa autobloccanti fai da te

A questo punto è possibile iniziare con la fase vera e propria della posa autobloccanti: è opportuno cominciare la posa partendo da una delle estremità della zona da pavimentare e ogni blocchetto dovrà essere sistemato uno al fianco dell'altro senza lasciare spazio. È consigliabile sistemare di volta in volta delle tavole sui blocchetti già sistemati al fine di poter garantire la giusta distribuzione semplicemente grazie al nostro peso e in caso di blocchetti sporgenti o incassati è necessario toglierli e sostituirli, oltre ovviamente verificare la necessità di aggiungere o togliere della sabbia. Per tagliare i blocchetti delle dimensioni che vogliamo è possibile utilizzare una smerigliatrice con disco in pietra, oppure uno scalpello a punta piatta su cui colpire con il mazzuolo. Una volta terminata la posa dei blocchetti, bisogna versarci sopra della sabbia asciutta in modo tale da farla penetrare nelle eventuali fessure e per ottenere il massimo risultato si consiglia l'utilizzo di un vibratore con piastra in gomma. Le settimane successive alla posa è necessario prestare la massima attenzione alla presenza di eventuali cedimenti e se necessario intervenire aggiungendo ad esempio altra sabbia.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO