Storia del giardino

La storia del giardino: si parte da Babilonia

La storia del giardino ha radici molto antiche: infatti da sempre re e nobili hanno fatto costruire palazzi imponenti circondati da spazi riservati e molto confortevoli. I giardini rispondevano appunto a questa funzione, in quanto consentivano alla corte di trascorrere del tempo immersi nel verde, in un ambiente vasto, riparato dal sole e dal caldo. In più non era affatto raro trovarvi giochi d'acqua, fontane, gazebi e padiglioni nello stile imperante dell'epoca. Nella storia del giardino rivestono un'importanza fondamentale quelli pensili di Babilonia: non solo sono tra più antichi, ma hanno dato il via a una vera e propria categoria, ancora molto sfruttata al giorno d'oggi. Secondo le varie fonti furono fatti costruire dal re Nabucodonosor oppure dalla regina assira Semiramide. In ogni caso erano una delle sette meraviglie del mondo nell'antichità.
Giardini pensili

Storie di giardini: 2

Prezzo: in offerta su Amazon a: 51€
(Risparmi 9€)


I giardini animati

Giardino all'italiana Nella storia del giardino spiccano nel Medioevo e soprattutto nel Rinascimento quelli animati: si tratta di giardini fatti realizzare da sovrani, esponenti delle case regnanti o delle grandi famiglie nobili. Erano elementi di moda e si basavano su scherzi "vegetali", che venivano ritenuti divertenti dalle stesse vittime. Ad esempio dagli alberi fuoriuscivano schizzi d'acqua che colpivano i passanti, dai soffitti delle grotte cadeva una cascata di farina, passando sotto un pergolato di rose si finiva ricoperti di cenere. Come in un teatro, tutto era artificiale e i vari trucchi erano possibili grazie a complicati meccanismi molto ingegnosi. Questi giardini erano molto diffusi soprattutto in Spagna, in Italia (famoso quello di Tivoli) e in Francia, dove tra gli altri si ricorda quello di Hesdin, dotato anche di uno zoo. Sempre in Francia un paio di secoli più tardi furono approntati i giardini di Versailles.

  • Peonia in piena fioritura Le peonie sono piante per giardino appartenenti alla famiglia delle Peoniacee. Le specie di questo genere si dividono in due grandi gruppi: peonie erbacee e peonie arbustive (o legnose). Le peonie erb...
  • Margherita in piena fioritura Le margherite sono piante erbacee appartenenti alla famiglia delle Asteraceae. Molto diffuse nelle zone d'Europa a clima temperato e in particolare nelle regioni mediterranee, sono caratterizzate da u...
  • Giardino fiorito con lago naturale Per rendere il proprio ambiente esterno elegante ed interessante da ammirare e da far ammirare è necessario sapere e riconoscere quali possono essere le migliori piante da giardino utilizzabili. Ogni ...
  • begonia tuberhybrida   fonte:http://www.jardinage.eu La begonia appartiene alla vasta famiglia delle begoniacee: piante con fiori e foglie molto decorative, che offrono una magnifica fioritura da giugno fino ai primi freddi. Sono molto apprezzate perché...

Storia del giardino e del paesaggio. Il verde nella cultura occidentale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,05€
(Risparmi 4,95€)


Storia del giardino: I giardini di oggi

rosa rugosa Ai giorni nostri la storia del giardino vede una grande diffusione di questi spazi verdi, prima appannaggio solo di chi poteva permetterseli. Anche le persone che non hanno lo spazio necessario perché vivono in appartamenti di città spesso creano dei piccoli giardini domestici sul balcone, sul davanzale delle finestre o persino in casa grazie alle piante in vaso. Negli ultimi tempi si sono diffusi giardini secondo natura, cioè dove i fiori, gli alberi e gli arbusti piantati sono locali o comunque provenienti dal territorio nazionale oppure da un altro dal clima simile. In secondo luogo si opta per un prato rustico invece che per uno all'inglese. Anche le rose appartengono a varietà rustiche o selvatiche, che non richiedono cure particolari: le più diffuse sono la rosa canina, la rosa rugosa e la rosa rubiginosa. È sempre meglio proteggere il lato del giardino più esposto al vento con una siepe lunga e folta.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO