Termocamini

Che cosa sono i termocamini e il sistema di funzionamento

Il termocamino è un sistema di riscaldamento adottato all'interno delle abitazioni in sostituzione o come integrazione degli impianti comunemente usati e alimentati con il metano, il GPL o il gasolio. Si basa sulla combustione di pellet e/o legna e si differenzia dai camini tradizionali per essere a camera chiusa e non a camera aperta: in pratica si chiude l'apertura attraverso cui si immette il combustibile con uno sportello di vetro termico. Di conseguenza, il calore prodotto dall'impianto non si disperde e viene recuperato per aumentare l'efficienza del riscaldamento. Si tratta di un sistema che garantisce un risparmio energetico di buon livello e per questo i termocamini sono detti anche camini termici. In commercio ne esistono due modelli base, quello con funzionamento ad acqua e quello ad aria. Inoltre, a seconda del sistema scelto, si può allacciare il termocamino all'impianto principale. Così si può riscaldare tutta la casa e produrre acqua calda.
Modello di termocamino acceso

bio Camino/ Camino a parete / Camino Gel / Camino al Bioetanolo / BIO ETANOLO / Caminetto / Biocamino /Mod XXL PLUS nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 145€


I termocamini ad aria: il funzionamento e le caratteristiche dell'impianto

Modello di termocamino ad aria Se i termocamini funzionano ad aria si tratta di un impianto di riscaldamento caratterizzato da diverse bocchette sui lati: da quelle poste in alto viene erogata l'aria calda per un migliore riscaldamento dell'ambiente, mentre da quelle in basso si aspira l'aria più fredda. In pratica l'aria aspirata passa attraverso un'intercapedine posta tra il rivestimento interno e quello esterno del termocamino dove viene riscaldata. Successivamente il sistema di ventilazione forzata la fa circolare e fuoriuscire dalle apposite bocchette di areazione. Dal punto di vista del funzionamento, i termocamini ad aria assomigliano a delle stufe: non sono allacciati al sistema di riscaldamento principale (quello dei termosifoni) e si possono facilmente realizzare a partire da camini standard. In genere si tratta di impianti di pregio che non si vogliono smantellare ma rendere più efficienti dal punto di vista energetico attraverso interventi non troppo dispendiosi.

  • Uno fra i tanti modelli di caminetti prefabbricati Ci piacerebbe avere un caminetto per riscaldare le nostre fredde giornate d'inverno, ma non sappiamo da dove iniziare? E' vero, ci sconvolge l'idea di dover avere un cantiere in casa e al solo pensier...
  • Termocamino a legna con rivestimento in pietra I termocamini a legna hanno un focolare chiuso che viene realizzato in monoblocco attraverso materiali come l’acciaio, la ghisa e anche i mattoni refrattari. Come combustibile viene utilizzato il legn...
  • Cucina a legna di vecchia generazione Le cucine a legna ricordano le case di una volta nelle quali solitamente non mancavano mai. Le cucine di questo tipo hanno il vantaggio di riscaldare la casa mentre vengono cucinati i cibi adoperando ...
  • Camino a parete moderno e bifacciale. Il camino a parete è un complemento d'arredo perfettamente inseribile sia in un contesto classico che in uno moderno, in quanto molto versatile e abbinabile al tipo di abitazione in cui viene posizion...

Comignoli girevoli, cappello eolico per camini in acciaio inox, base quadrata (42x42 cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 64€


I termocamini ad acqua: il sistema di funzionamento e le caratteristiche

Modello di termocamino ad acqua I termocamini ad acqua si caratterizzano invece per essere collegati all'impianto principale di riscaldamento (possono essere sia a pavimento che basati su radiatori) attraverso scambiatori di calore oppure direttamente. In pratica l'acqua calda che circola nel sistema di riscaldamento non proviene dalla caldaia ma dal camino termico. Anche qui è presente un'intercapedine, che è fatta di ghisa o acciaio molto spesso e che si trova sul fondo. Si consiglia di tenere aperta la serranda fumi durante l'accensione, in modo da facilitare la combustione e il deflusso del fumo nella canna fumaria: una volta che il termocamino è avviato, si può chiudere il portellone e, di conseguenza, anche la serranda fumi collegata. Bisogna ricordare che anche alcuni termocamini ad aria possono creare un riscaldamento diffuso e decentrato nei vari ambienti di casa attraverso l'uso di canalette d'aria.


I vantaggi ottenuti con un termocamino ad acqua

Termocamino con alimentzione a legna I termocamini ad acqua sono un sistema veramente efficace di riscaldamento alternativo e consentono risparmi energetici anche di notevole entità, dato che il consumo di combustibile diminuisce sensibilmente. Tra l'altro questo sistema, a differenza dei termocamini ad aria, permette di abbinare il riscaldamento degli ambienti interni alla produzione di acqua calda necessaria per i sanitari. In pratica, attraverso la regolarizzazione del processo di combustione (ottenuta a sua volta grazie alle valvole per l'uscita del fumo prodotto) è sufficiente caricare i termocamini ad acqua la mattina per avere una fornitura standard di acqua calda per tutto il giorno. Tutto ciò è possibile senza dover installare apparecchi o scambiatori di calore aggiuntivi a quelli di cui è già dotato l'mpianto e senza dover effettuare interventi di manutenzione straordinari. Anzi, questi ultimi si riducono sensibilmente. Sul mercato si trovano diversi esemplari di termocamini ad aria, appartenenti a marchi diversi: i loro prezzi variano a seconda del modello e del rivenditore andando dai 1500 ai 4.000 euro circa.


La praticità nella pulizia e nel riscaldamento degli ambienti di casa

I termocamini consentono di riscaldare efficacemente anche ambienti interni di grandi dimensioni e sviluppati su più piani, sfruttando i sistemi tradizionali per la diffusione del calore. Da questo punto di vista uniscono la struttura di una stufa alla possibilità di usare gli impianti già presenti senza dover intervenire con canalizzazioni ulteriori e opere murarie incisive. Tra l'altro, i termocamini sono davvero intuitivi da usare, hanno un funzionamento del tutto automatizzato (si impostano tutte le varie funzionalità dalla centralina di controllo elettronica) e sono molto facili da pulire e mantenere. L'unica osservazione è che, come per i camini tradizionali, è bene pulire la canna fumaria prima dell'inizio dell'inverno, quando si userà al massimo l'impianto. Per il resto, basta solo eliminare la cenere ogni settimana con scopa e paletta, anche se alcuni modelli prevedono una pulizia automatizzata.


Termocamini: Le varie tipologie di termocamini ad acqua presenti sul mercato

termocamino Il fatto che sul mercato siano presenti diversi modelli di termocamini ad acqua si spiega con l'esigenza per questi sistemi di adattarsi alle varie soluzioni progettuali esistenti e ai gusti della clientela. Ad esempio, si va dai termocamini tradizionali (che impiegano un unico generatore) a quelli che alimentano solo il riscaldamento o solo la produzione di acqua calda attraverso un bollitore o un impianto termoelettrico. Infatti il bollitore può essere adibito ad entrambe le funzioni (riscaldamento e produzione di acqua calda) o ad uno soltanto; inoltre, può essere alimentato sia dal termocamino che da un impianto solare o dalla caldaia a gas, creando così una versione combinata. I costi per i consumi dei termocamini sono legati a quello del combustibile, ma anche dall'efficienza del generatore. Si consiglia di adottare la legna come combustibile: ne occorrono circa 5 kg al giorno con un costo di 2 euro per riscaldare efficacemente la casa e produrre l'acqua calda necessaria.



COMMENTI SULL' ARTICOLO