Coltivare finocchi

Coltivare finocchi in vaso

Coltivare finocchi in vaso è un ottimo modo per mantenere attivo un orto, in terra o in vaso, nel momento in cui la maggior parte degli ortaggi è a riposo, come la primavera o la fine dell'estate. Coltivare finocchi è un'operazione che si svolge di solito in terra, perché si tratta di una pianta abbastanza voluminosa, ma è possibile farlo anche in vaso, predisponendo contenitori abbastanza profondi. Sul fondo del vaso dev'essere posta della ghiaia o dei sassi, in modo da favorire il deflusso dell'acqua, per poi passare ad uno strato di terriccio morbido e arricchito con compost o concime organico. La semina deve avvenire in un semenzaio, inserendo i semi bene a fondo nel terreno, per poi trasferire le piantine nell'orto o in vaso quando hanno raggiunto i 10 centimetri d'altezza. Questo dovrebbe avvenire a circa 40-50 giorni dalla semina.
Finocchi vaso

TERRICCIO EXTRA-FINE PER LA SEMINA E LA COLTIVAZIONE DEGLI ORTAGGI E DELLE PIANTE AROMATICHE CONF. DA 15 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Dal trapianto al raccolto

Finocchi cucina Piccoli finocchi pronti per il trapianto sono in genere in vendita dai vivaisti, per chi volesse saltare la fase della semina. Il trapianto avviene in genere nei mesi di settembre o ottobre, in modo che l'ortaggio sia pronto per l'inverno. La pianta deve essere quindi protetta dal gelo ma anche dal caldo eccessivo, per cui il vaso deve essere lasciato al sole il più spesso possibile, ma evitando i momenti di maggiore calura. Quando il globo, cioè la parte commestibile del finocchio, sporge dal terreno ed è grande circa come una mela, bisogna operare la rincalzatura. Si tratta di accostare la terra alla pianta fino a coprire il globo. Questa operazione lo manterrà più bianco e più dolce, proteggendolo dal freddo e dalla luce. Oltre al bulbo anche le foglie sono commestibili, e vi si possono ricavare ottime tisane ed infusi.

  • Raccolto settembre A fine estate è importante prestare cura e attenzione all'ultimo raccolto degli ultimi ortaggi maturati: questi infatti vanno raccolti per tempo, prima che deperiscano a causa dell'abbassamento delle ...
  • Struttura serra giardino Con le serre fai da te si ha la possibilità di disporre di un ambiente riparato per le piante a misura dei propri spazi. Lo scopo delle serre è quello di riparare piante e ortaggi nel periodo invernal...
  • Rosmarino vaso Il rosmarino è una pianta molto rustica e resistente, che non richiede particolari cure ed è facile da coltivare sia in vaso che in terra. Il rosmarino ha solo bisogno di molta luce e di evitare i ris...
  • Carote chantenay La carota, o Daucus carota, è una pianta erbacea spontanea della famiglia delle Ombrellifere. Originaria dell’Asia, è conosciuta fin dall’antichità, infatti, i Greci la utilizzavano per curarsi. Esist...

Vasi con sacchetto di terriccio per coltivare pomodoro e verdure, set da 6

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,99€


Malattie e parassiti

Bruco finocchio I finocchi non hanno bisogno di particolare cura durante la crescita. Si tratta però di piante che abbastanza frequentemente vengono colpite da parassiti, per cui bisogna sempre fare attenzione all'insorgere di malattie. Il pericolo maggiore che colpisce il finocchio è la sclerotina, una muffa in grado di diffondersi di pianta in pianta fino a compromettere tutto l'orto. Per prevenirla basta evitare i ristagni d'acqua nel vaso e lasciare la pianta in una zona soleggiata e ben arieggiata del balcone. Altri parassiti che colpiscono i finocchi sono gli afidi e il macaone, una piccola farfalla che si può allontanare facilmente, piantando della cipolla vicino al finocchio. Per prevenire infezioni di peronospora è invece necessario irrorare periodicamente la pianta con il rame. Una volta infettate le piante non si possono guarire, l'unica soluzione è estirparle ed eliminarle.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO