Rose rampicanti

Ogni quanto bisogna innaffiare le rose rampicanti

Le rose rampicanti cresceranno più rapidamente e si svilupperanno al meglio se avremo l'accortezza di seguire alcuni semplici passaggi nella loro coltivazione e nelle cure che riserveremo alle piante. In primo luogo per quanto riguarda l'irrigazione e l'innaffiatura. Le rose hanno bisogno di un buon supporto di acqua, ma l'irrigazione non deve essere troppo costante, altrimenti le radici potrebbero marcire. Meglio innaffiare le rose a goccia, preferibilmente un paio di volte alla settimana anziché tutti i giorni, e accertarsi che l'acqua in eccesso non si depositi sulle foglie, particolarmente suscettibili a sviluppare muffe oppure funghi che potrebbero compromettere seriamente la salute delle nostre rose. Bisogna fare particolarmente attenzione se le rose sono di tipo Rambler, ossia con foglie e steli molto voluminosi e fiori in proporzione più piccoli. È consigliabile quindi innaffiare direttamente le radici con un innaffiatoio a beccuccio che ci permetta di avvicinarci il più possibile al terreno, senza "disturbare" le foglie.
Le rose rampicanti vanno innaffiate con attenzione

Relaxdays Set 2 Grigliati per Rampicanti, in Metallo 180x50cm Design ad Archi Fiori e Cuori, ad Incastro, Verde Scuro, 180 x 50 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 64,9€


Come si coltivano le rose rampicanti

Le rose rampicanti crescono con pochi accorgimenti Per coltivare le rose rampicanti occorre, in primo luogo e se la nostra scelta è orientata su rose di tipo Rambler, procurarsi dei sostegni di legno attorno a cui le rose potranno avvolgere i loro tralicci per sostenersi. Le Climber, l'altra tipologia principale di rose rampicanti, invece non necessita di sostegno, ma andrà regolarmente potata per permettere ai nuovi fiori di germogliare. Le rose si possono coltivare per talea, oppure per innesto; l'importante è che il terreno che andrà ad ospitarle sia stato precedentemente preparato con attenzione, alternando letame, terriccio, concime organico e acqua (questa operazione viene definita dagli addetti ai lavori "messa a dimora" e va preferibilmente effettuata nei mesi autunnali, oppure in inverno). Nel potare le rose ricordatevi di non effettuare mai il taglio troppo in prossimità della gemma, ed eliminate le foglie superflue che potrebbero soffocare la piantina; in men che non si dica, se tutto è andato a buon fine e non ci sono problemi, sarà la talea stessa a produrre nuove foglie e gemme.

  • Sintomi peronospora Tra le malattie delle rose provocate da funghi va menzionata la peronospora; quest'ultima si manifesta con sgradevoli macchie sul fogliame, inizialmente giallastre e poi sempre più scure. Le foglie, d...
  • Rosa Tutti conoscono i fiori di rose. Probabilmente, se si pensa ad un fiore, la rosa è tra quelli immediatamente ricordati. La famiglia delle Rosaceae a cui la rosa appartiene comprende circa 150 specie,...
  • Vari esemplari di sempervivum I sempervivum sono piante sempreverdi e grasse che sono presenti in gran parte dell'area del Mediterraneo; questo genere non conta molte specie, che tra l'altro non sono facilmente distinguibili l'una...
  • Pianta arbustiva Le piante arbustive sono specie che si caratterizzano per avere un’altezza medio-bassa e uno sviluppo poco accentuato: di conseguenza sono molto adottate nei terrazzi, nei balconi, nei piccoli giardin...

ShAH 3D Wallpaper Grafici Foto Alberi Di Rose Rampicanti Foglie Verdi Decoratione Wallpaper Soggiorno Wallpaper Carta Da Parati Wallpaper Murale Murala Mural 300cmX200cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 173,3€


Rose rampicanti e concime, come scegliere il migliore

Il fertilizzante organico per le rose rampicanti Le rose - non solo le rose rampicanti, ma tutte le varietà - sono molto selettive per quanto riguarda il concime. Se vogliamo coltivare delle rose sane, robuste e dai colori brillanti dovremo quindi prestare molta attenzione a questo aspetto e dedicare tempo e attenzione alla concimazione del terreno. Durante le fasi della messa a dimora è importante alternare concime (meglio se organico e sottoposto a compostaggio per renderlo più ricco), terriccio, letame e torba; proprio quest'ultima infatti per le sue caratteristiche è particolarmente amata dalle coltivazioni di rose rampicanti. Anche i sassi o la pomice, mischiati al terreno, potrebbero favorire la crescita rapida delle rose rampicanti. Una curiosità, infine: sembra che le rose crescano maggiormente rigogliose e colorate se concimate con regolarità con del letame liquido. Questo "trucco del mestiere" arriva nientemeno che dalla celebre giallista Agatha Christie, che riporta l'aneddoto nella sua autobiografia raccontando come proprio questo tipo di letame avesse permesso a sua nonna materna di ottenere coltivazioni di rose dal profumo, il colore e le dimensioni eccezionali.


Le principali malattie

Afidi rose rampicanti Anche le rose rampicanti, come del resto praticamente ogni tipo di piante e fiori, possono purtroppo cadere vittima di parassiti e malattie. Se vogliamo cimentarci nella coltivazione di questi splendidi fiori, quindi, dovremo fare attenzione a riconoscere gli agenti patogeni o i segnali di un'infestazione in corso. Fra gli insetti, gli afidi e i tripidi sono sicuramente i più comuni e, anche se non particolarmente aggressivi, possono seriamente danneggiare le gemme e gli steli delle rose rampicanti. Sono anche particolarmente difficili da individuare, a causa delle loro dimensioni ridotte. Ma le rose rampicanti potrebbero cadere vittima anche di della cetonia dorata, che come dice il nome stesso ha una livrea particolarmente vistosa ed è un concreto pericolo per le gemme, di cui si nutre. Fra le malattie più diffuse c'è anche la macchia nera, un fungo che distrugge le foglie delle rose, soprattutto se l'ambiente in cui le abbiamo piantate è caratterizzato da una forte umidità. Anche l'oidio (un altro tipo di fungo che rallenta e in alcuni casi può addirittura arrestare la crescita delle foglie e dei fiori novelli) e le ruggini sono problemi molto diffusi.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO