Riscaldamento a radiatori

Impianti di riscaldamento a radiatori

Il riscaldamento a radiatori è il sistema più diffuso e utilizzato per scaldare gli immobili di qualunque genere. Si basa sull'installazione di elementi riscaldanti chiamati nel linguaggio comune caloriferi oppure termosifoni. La soluzione più diffusa si basa su una caldaia a gas di alimentazione, grazie alla quale si ottiene l'acqua calda impiegata sia come vettore di calore nell'impianto di riscaldamento che per uso sanitario. Nel primo caso il liquido caldo viene convogliato dalla caldaia nel circuito del riscaldamento. In questo modo viene distribuita ai vari termosifoni collegati all'impianto. Infatti i tubi (sia di deflusso che di alimentazione) di ogni calorifero convergono verso un distributore centrale che consente di gestire l'impianto. Il riscaldamento a radiatori può utilizzare diversi tipi di caldaia e vari modelli di termosifoni. Infatti in commercio si trovano esemplari in alluminio, ghisa e acciaio.
Regolare riscaldamento a radiatori

Wärme Designer Radiatore riscaldamento Elettrico a muro a basso consumo energetico con Quadro di comando - 100% Ad alta efficienza energetica - Ultra Sottile (8cm) - 2Kw – Termostato Digitale Programmabile – Montaggio a muro (Mensola a muro Inclusa gratuitamente) - 2 Anni garanzia – Senza manutenzione – Riscaldatori elettrici ad alta efficienza energetica – Radiatori a Quadro elettrico – Radiatore elettrico con Termostato – Radiatore a basso consumo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 149,95€
(Risparmi 299,05€)


Radiatori in ghisa

termosifoni in ghisa Tra i sistemi di riscaldamento a radiatori più diffusi c'è quello che adotta elementi scaldanti in ghisa. Si tratta dei modelli adottati fin dall'inizio e per questo risultano quelli meno moderni. I radiatori in ghisa si caratterizzano per essere molto pesanti, quindi la loro installazione può risultare problematica. Al tempo stesso è necessario predisporre appositi rinforzi se vengono applicati su pareti leggere. Questo sistema di riscaldamento a radiatori può comportare alcuni svantaggi, tra cui le lunghe tempistiche di risposta. Infatti il calore in arrivo necessita di un periodo di tempo maggiore per riscaldare il termosifone e diffondersi nell’ambiente. Inoltre l'elemento si raffredda altrettanto lentamente e quindi possono verificarsi sprechi di energia. Di conseguenza è bene adottare tempi di accensione e spegnimento anticipati rispetto ai momenti in cui si utilizzano i locali. I radiatori in ghisa sono molto silenziosi perché il materiale è spesso e quindi attenua il rumore dell’acqua che scorre.

  • Cucina a legna di vecchia generazione Le cucine a legna ricordano le case di una volta nelle quali solitamente non mancavano mai. Le cucine di questo tipo hanno il vantaggio di riscaldare la casa mentre vengono cucinati i cibi adoperando ...
  • Modello di termocamino acceso Il termocamino è un sistema di riscaldamento adottato all'interno delle abitazioni in sostituzione o come integrazione degli impianti comunemente usati e alimentati con il metano, il GPL o il gasolio....
  • Camino a parete moderno e bifacciale. Il camino a parete è un complemento d'arredo perfettamente inseribile sia in un contesto classico che in uno moderno, in quanto molto versatile e abbinabile al tipo di abitazione in cui viene posizion...
  • Esempio di caminetto a bioetanolo I caminetti a bioetanolo sono sempre più presenti all'interno delle case italiane: il successo di questo tipo di riscaldamento è dovuto proprio alle caratteristiche del combustibile usato. Il bioetano...

De'Longhi TRRS0920 Radiatore ad Olio Elettrico, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 104,61€


Radiatori in acciaio

Riscaldamento a caloriferi Un altro sistema di riscaldamento a radiatori prevede l'installazione di termosifoni in acciaio. Si tratta di una soluzione che combina le caratteristiche degli elementi in alluminio e di quelli in ghisa. In questo modo si riesce a ovviare alla maggior parte dei problemi peculiari delle due altre tipologie. I caloriferi in acciaio si distinguono per avere una resistenza alla corrosione, tempistiche di riscaldamento e raffreddamento e un peso intermedi. Di conseguenza hanno prestazioni migliori e sono più efficienti rispetto ai modelli in ghisa. Tuttavia i radiatori in acciaio non sono componibili, a differenza di quanto accade con gli elementi in ghisa e in alluminio. Per questo motivo non è possibile modificare le proprie esigenze termiche eliminando oppure aggiungendo singoli elementi riscaldanti. Inoltre il riscaldamento a radiatori in acciaio è quello più costoso, però in commercio si trovano eleganti soluzioni di design che consentono di mettere a punto progetti di termoarredo.


Riscaldamento a radiatori: Radiatori in alluminio

Radiatori in alluminio Le soluzioni più innovative e recenti di riscaldamento a radiatori utilizzano elementi scaldanti in alluminio. Si tratta di un materiale molto leggero e lavorabile, quindi i termosifoni si caratterizzano per il fatto di poter essere installati facilmente e di essere meno ingombranti. Inoltre risultano molto più interessanti ed eleganti dal punto di vista estetico, consentendo di ottenere delle vere e proprie soluzioni di design. Questi termosifoni si scaldano e si raffreddano molto rapidamente, quindi si evitano sprechi energetici. Tuttavia presentano lo svantaggio di trasmettere le vibrazioni e il rumore dall’acqua che scorre all'interno. Altri inconvenienti riguardano la scarsa resistenza della smaltatura e l'indispensabile controllo idrico. Infatti è possibile che si verifichino episodi di corrosione interna se l'acqua ha un pH alcalino. Il riscaldamento a radiatori in alluminio ha costi decisamente ridotti e può essere predisposto anche su pareti leggere.



COMMENTI SULL' ARTICOLO