Stufe per riscaldamento

Stufe per riscaldamento: la stufa di ghisa

Le stufe sono da sempre una soluzione eccezionale per riscaldare la casa senza spendere una fortuna. Esistono diverse tipologie di stufe per riscaldamento: una panoramica tra i diversi modelli è d'obbligo prima di mettersi alla ricerca della stufa più adatta. Un classico, quando si parla di riscaldamento, è la stufa di ghisa. La ghisa non è altro che una lega di ferro e carbonio ed è un ottimo conduttore di calore. Per riscaldare l'ambiente, questa stufa utilizza l'energia termica che si crea in una camera serrata ermeticamente, tramite la reazione di combustione. Se alimentate a legna, queste stufe sono una soluzione economica ed estremamente ecologica. Hanno però un difetto: per lavorare a pieno regime impiegano parecchio tempo. Inoltre, essendo pesanti, non risultano facilmente trasportabili.
Stufa di ghisa

Toyotomi Plus Combustibile Puro per Stufe Portatili, Rosso, 18 litri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,75€
(Risparmi 1,15€)


Una soluzione green: la stufa a pellet

Stufa a pellet Tra le stufe per riscaldamento più innovative ci sono le stufe a pellet. Il pellet, infatti, è un'alternativa ai combustibili più classici, quali il gas, la legna e il carbone. Il pellet è un composto ricavato dalla segatura, la quale viene essiccata, pressata e "legata" con una sostanza naturale, la lignina. La forma finale è quella di tanti cilindretti compatti. Insieme alla legna, il pellet è il combustibile più ecologico in circolazione, ed anche il più economico. Un suo grande pregio è quello di produrre pochissimi scarti di combustione. Le stufe a pellet più moderne sono dotate di un sistema in grado di dosare l'aria e la quantità di pellet che deve fluire alla camera di combustione. Da ricordare che la stufa a pellet non funziona senza corrente elettrica, anche se i consumi in termini di elettricità sono davvero bassi.

  • Cucina a legna di vecchia generazione Le cucine a legna ricordano le case di una volta nelle quali solitamente non mancavano mai. Le cucine di questo tipo hanno il vantaggio di riscaldare la casa mentre vengono cucinati i cibi adoperando ...
  • Modello di termocamino acceso Il termocamino è un sistema di riscaldamento adottato all'interno delle abitazioni in sostituzione o come integrazione degli impianti comunemente usati e alimentati con il metano, il GPL o il gasolio....
  • Camino a parete moderno e bifacciale. Il camino a parete è un complemento d'arredo perfettamente inseribile sia in un contesto classico che in uno moderno, in quanto molto versatile e abbinabile al tipo di abitazione in cui viene posizion...
  • Esempio di caminetto a bioetanolo I caminetti a bioetanolo sono sempre più presenti all'interno delle case italiane: il successo di questo tipo di riscaldamento è dovuto proprio alle caratteristiche del combustibile usato. Il bioetano...

Plein Air R-1200 Stufa Infrarossi al Quarzo, IP21, 1.2 KW

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,99€
(Risparmi 2,47€)


Praticità e convenienza con le stufe elettriche

Stufa elettrica Un metodo pratico ed efficiente di riscaldare l'abitazione prevede l'uso di stufe elettriche. Al giorno d'oggi esistono stufe elettriche a bassissimo consumo, che permettono di risparmiare sulla bolletta. Le tipologie di stufe elettriche sono tantissime: ci sono quelle più tradizionali, ma anche le stufe alogene (che utilizzano lampade alogene), quelle a quarzo (che utilizzano lampade alogene con bulbo in quarzo) e quelle ad infrarossi (formate da radiatori ad infrarossi). Le stufe elettriche sono una soluzione pratica, soprattutto perché sono leggere ed è facile spostarle da un punto all'altro dell'abitazione. Hanno inoltre il vantaggio della velocità: impiegano pochissimo tempo a riscaldare l'ambiente. Per contro, hanno costi di gestione piuttosto elevati rispetto ad altre forme di riscaldamento.


Stufe a gas e stufe a bioetanolo

Un'altra tipologia di stufe per riscaldamento sono le classiche stufe a gas. Queste si distinguono in stufe a gas di petrolio liquefatto (butano o propano) e stufe a metano. Le stufe che funzionano con gas sono dispositivi semplicissimi da utilizzare e molto economici, che si possono adoperare senza bisogno di canna fumaria. Essendo alimentate da prodotti ottenuti da combustibili fossili, non sono ecologici. Esistono inoltre le stufe a bioetanolo, il cui combustibile, il bioetanolo per l'appunto, deriva dalla fermentazione di amidi e di zuccheri. Le stufe a bioetanolo si installano facilmente e non hanno bisogno di canna fumaria. Hanno costi di gestione limitati, ma possono riscaldare solamente ambienti piccoli, per cui l'ideale è abbinarle ad ulteriori tipologie di stufe per riscaldamento.




COMMENTI SULL' ARTICOLO