Edilizia sostenibile

Edilizia sostenibile: definizione e principi

Per edilizia sostenibile si intende la costruzione di edifici in modo responsabile dal punto di vista ambientale per tutto il ciclo di edificazione. Si tratta dunque di trovare un equilibrio tra la costruzione delle case e la sostenibilità ambientale. Quest'ultima, applicata alla bioarchitettura, può essere definita come l'incontro dei bisogni delle generazioni presenti senza compromettere la possibilità di quelle future di soddisfare i propri. I principi della sostenibilità ambientale fanno capo alle ipotesi dell'economista statunitense Herman Daly e pongono l'accento sul bisogno di rispettare il tasso di rigenerazione delle risorse rinnovabili, la capacità dell'ambiente di metabolizzare le sostanze inquinanti e la necessità di sostituire gradualmente le fonti energetiche non rinnovabili, come petrolio e cabon fossile, con quelle rinnovabili (sole, vento, biomasse, ecc.).
Casa ecologica

[Set doccia soffione] hapilife Bagno da Doccia,Con Doccia a Mano / Miscelatore Monocomando Cascata Rubinetto per Vasca

Prezzo: in offerta su Amazon a: 119,99€
(Risparmi 80€)


Cenni di storia dell'edilizia sostenibile

Giardini pensili di Babilonia Nel continuo tentativo di ottimizzare le proprie abitazioni, l'uomo ha riservato nel corso della storia un'attenzione particolare verso la costruzione della propria dimora, non solo in merito alla scelta dei materiali (argilla, legno, ecc.) e della struttura, ma anche riguardo il luogo per l'edificazione e la posizione nei confronti del sole e del vento. Con l'avvento del progresso tecnologico, unito allo sfruttamento intenso dei combustibili fossili, l'ambizioso obiettivo di potenziare al massimo le capacità produttive fece temporaneamente perdere di vista la questione del rapporto tra uomo e natura. Quest'ultimo tornò però alla ribalta negli anni settanta, quando nacquero le idee ecologiste derivanti dalle preoccupazioni legate all'inquinamento e all'eccessivo sfruttamento delle risorse messe a disposizione dalla natura.

  • edificio di bioedilizia La bioediliza consiste nell'utilizzo di sistemi ecologici e non dannosi nella progettazione architettonica. La bioediliza, conosciuta anche come bio-architettura, utilizza tecnologie che favoriscono ...
  • Casa attiva a Lystrup Le case attive (Active House) rappresentano un'evoluzione delle case passive (Passivhaus) già presenti in Germania dalla fine degli anni Ottanta e di cui si hanno esempi in tutta Europa. Costruite per...
  • Casa realizzata seguendo i dettami della bioarchitettura La bioarchitettura è una disciplina innovativa ed inedita che solamente durante il corso degli ultimi anni ha avuto modo di svilupparsi fino ad arrivare ad ottenere un ruolo rilevante all'interno del ...
  • Energia eolica Le energie rinnovabili derivano da fonti pulite, il cui uso non danneggia le risorse naturali a disposizione degli esseri umani. Infatti queste fonti vengono rigenerate dopo ogni ciclo nelle quali ven...

Electraline 92218 6 Lampadine Mini Globo Basso, Consumo Risparmio Energetico 5W=25W, Attacco Piccolo E14, Luce Fredda 6400K

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,48€


Architettura sostenibile: come ridurre l'impatto ambientale

Fonti di energia rinnovabile Anche se nuove tecnologie vengono costantemente messe a punto per la creazione di strutture più verdi, l'obiettivo comune dell'edilizia sostenibile è di ridurre l'impatto complessivo delle costruzioni sull'ambiente e sulla salute dell'uomo attraverso: - l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili (pannelli fotovoltaici, solare termico, biocombustibili, impianti eolici); - lo sfruttamento efficiente delle risorse, al fine di ridurre gli sprechi e il degrado ambientale; - l'utilizzo morigerato delle fonti energetiche non rinnovabili, soprattutto di quelle che rilasciano nell'ambiente ingenti quantità di biossido di carbonio; - la scelta del sito per l'edificazione in base all'esposizione solare e al vento; - l'isolamento termico delle pareti al fine di ridurre il fabbisogno energetico; - l'uso di materiali disponibili localmente, sulla base della filiera corta.


Normativa italiana in materia di edilizia sostenibile

Codici di green building In uno scenario critico, sia per quanto riguarda l'edilizia civile che quella pubblica, dovuto alla crisi ma anche all'edificazione selvaggia, l'edilizia sostenibile va nella direzione opposta, ma le sue potenzialità sono sfruttate solo parzialmente. Quello che manca in Italia, rispetto al resto d'Europa, è una strategia organica che comprenda tutte le politiche del green building, dal risparmio energetico al recupero dell'edilizia esistente. Inoltre la normativa italiana in materia di architettura sostenibile è regionale, priva perciò di una strategia nazionale, stabile e duratura, per quanto riguarda gli incentivi e le certificazioni. Una normativa incerta e debole, dunque, quella italiana, frutto di politiche sbagliate, come l'aver tagliato gli incentivi alle fonti alternative, impedendo di riorientare il processo di riqualificazione energetica degli edifici su scala nazionale.




COMMENTI SULL' ARTICOLO