Antracnosi

Quali sono le cause dell'antracnosi

L'antracnosi è una malattia delle piante che ha origine dall'infestazione di un fungo parassita. Le spore di questi diversi tipi di funghi, del genere "collicotrico", possono penetrare nella pianta da ferite aperte nei rami e nel fusto dalla caduta delle foglie, dalla potatura o dalla semplice rottura di rami o rametti. Anche gli eventi atmosferici come grandine, vento forte o gelo possono causare piccole ferite che permettono alle spore di insinuarsi della pianta. Le spore possono sopravvivere per lunghi periodi, anche in inverno, prima di dare inizio all'infestazione vera e propria. Vittime dell'antracnosi possono essere sia piante da interno che da esterno, alberi da frutto o verdure ed ortaggi da orto. L'antracnosi colpisce principalmente in primavera, attaccando germogli e foglie nuove, ma può manifestarsi anche in inverno attaccando i rami e il fusto degli alberi.
Foglie affette da antracnosi

Bella cattedrale con cupole a cipolla a Mosca svolta in legno in look 3D, parete o formato adesivo porta: 92x62cm, autoadesivi della parete, autoadesivo della parete, decorazione della parete

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,95€


Sintomi dell'antracnosi

Le macchie brune causate dal parassita L'antracnosi può attaccare il fusto della pianta e i rami, ma si manifesta soprattutto sulle foglie e i germogli. Le foglie colpite divengono più spesse e deformate, per poi manifestare delle piccole macchie brune che tendono a crescere. Nel caso venga colpito il fusto, le macchie color ruggine possono arrivare ad infossarsi fino a creare veri e propri buchi nella corteccia. I germogli e le giovani foglie verdi primaverili, quando vengono colpiti, seccano e si ripiegano su se stessi. L'antracnosi, se non curata, può causare perdita anche importante di foglie, mentre i funghi possono divorare la pianta dall'interno fino ad arrivare ad ucciderla. Il clima più adatto per questo genere di parassiti è il caldo umido, per cui bisogna fare particolare attenzione alle piante in serra, perchè l'infestazione può essere più veloce e letale.

  • Pianta di cavolo Tra le possibili malattie che possono colpire le piante, l'ernia del cavolo è sicuramente una delle più temibili. Non solo le piante devono essere attentamente distrutte, meglio ancora se bruciate, ma...
  • radice attaccata dalle larve Le larve della mosca del cavolo si nutrono delle sostanze contenute nelle radici e nel colletto del cavolo. L'insetto depone le proprie uova nel terreno che vi si trova in prossimità e dalla primavera...
  • Mosca bianca vista sotto ingrandimento La mosca bianca è un parassita che proviene dai paesi tropicali, dove il caldo ne permette la riproduzione proprio grazie alla sua capacità di resistenza. Proprio quest'ultima peculiarità ha fatto sì ...
  • Insetto altica tra le foglie Meglio conosciuto come 'pulce di terra' per la sua abilità nello spostarsi saltando, l'altica è un insetto di pochi millimetri che riesce a provocare gravi danni alle coltivazioni di cavoli, broccoli,...

WCZ Illuminazione decorativa personalizzata Moderna lampada ventilatore cinese con ventilatore Fan Leaf soffitto lampada, lampadari a soffitto bianco luce ventilatore a soffitto ristorante,Gelsomino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 379€


Antracnosi: Come curare l'antracnosi

curare antracnosi Una volta che i sintomi sono evidenti bisogna agire tempestivamente, perchè come detto l'antracnosi può arrivare ad uccidere la pianta infetta. Innanzitutto è bene tagliare foglie e rami che mostrano i segni del parassita. Se si tratta di un ortaggio o una verdura sarebbe più sicuro eliminare tutta la pianta, perchè rischia di contaminare tutto l'orto. Se ad essere stato colpito è un albero, è bene potare completamente i rami colpiti e trattare la pianta con un prodotto fungicida. Importantissimo sarebbe, dopo la potatura, disinfettare bene gli attrezzi utilizzati per evitare di diffondere le spore del parassita. In commercio esistono diversi prodotti fungicidi, a base di rame o altri elementi chimici, che possono servire per trattare le piante sopravvissute all'antracnosi. Smaltire le foglie e i rami potati perchè malati è altrettanto importante, sempre per evitare la diffusione del contagio e il deposito di spore su altre piante sane.



COMMENTI SULL' ARTICOLO