La certificazione impianti elettrici

Cos'è la certificazione impianti elettrici

Nell’ambito della realizzazione di impianti elettrici di varia natura o di diverso utilizzo, vi è un documento che ricopre un ruolo fondamentale per poter dichiarare, durante una eventuale verifica, che l’impianto stesso sia stato realizzato secondo le normative in vigore. Questo documento viene denominato certificazione impianti elettrici. Lo Stato prevede che il suddetto documento sia stilato per fare in modo che l’azienda che si è occupata dei lavori possa dichiarare lo svolgimenti dei lavori a regola d’arte. Questa definizione quindi, in altre parole, sta ad indicare che la certificazione va a confermare che l'impianto, a lavoro ultimato, è perfetto in ogni sua parte e il suo funziona senza alcun ostacolo o problema. Inoltre per poter redare al meglio questo documento, vanno usati materiali a norma.
Tecnici a lavoro su un impianto elettrico

BEAUDENS Accumulatore di Energia Portatile 166Wh, Batteria al Litio Ferrofosfato, 2000 Cicli, Caricabatteria Portatile Potente, con 6 Porte di Uscita (1 CA, 2 CC, 3 USB), Torcia/SOS, Scafo in Metallo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 119,99€


Contenuto e normative riguardanti la certificazione impianti elettrici

Verifica impianto elettrico Per quanto riguarda la certificazione impianti elettrici si può dire che essa sia gestita da normative e leggi create appositamente dal governo italiano e pubblicate sotto forma di decreto ministeriale il 19 maggio del 2010, che costituisce una modifica di tutte le normative presenti all’interno del decreto del 22 gennaio del 2008, il numero 37. In base a questa legge, si deve redare la dichiarazione di conformità alle normative dell’impianto elettrico inserendo una serie di dati molto importanti, che servono ad indentificare univocamente l’impianto che è stato installato o ha subito lavori di ristrutturazione o manutenzione. I dati obbligatori sono il nome del proprietario, lo schema dell’impianto, elenco dei materiali usati, la certificazione attestante l’iscrizione alla camera di commercio dell’azienda installatrice e dati sull’ubicazione precisa dell’impianto. Naturalmente questa dichiarazione va redatta per ogni impianto che ha subito lavori.

  • Scintille provocate da un cortocircuito Il cortocircuito rappresenta un problema che si può verificare quando si utilizzano apparecchiature elettriche molto vecchie. Consiste in un contatto che si viene a creare accidentalmente tra due pola...
  • Linee di alimentazione Volendo iniziare ad eseguire una progettazione impianti elettrici c'è da non dimenticare mai che con l'elettricità non bisogna distrarsi. Comunque è sempre meglio conoscere qualche nozione fondamental...
  • esempio di cavi elettrici I cavi elettrici sono sistemi di conduzione e trasmissione della corrente elettrica, generalmente costituiti da un'anima interna costituita da più fili conduttori o fibre ottiche intrecciati tra loro....
  • Adattatore spina elettrica Bticino è un'azienda solida, nata dalla passione e dalla qualità del prodotto in Nord Italia, più precisamente nel varesotto. Ad oggi conta più di 50 sedi in tutto il mondo ed è in rapida espansione. ...

Gwhole 20 Pezzi Morsetti per Cavi/Cavo Connettore con Gel per Giardino & Outdoor e Rasaerba Robot Husqvarna Automower

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Quando è obbligatorio farla e utilità di questo documento

Impianto elettrico di una azienda La certificazione impianti elettrici è obbligatoria in qualsiasi frangente e deve essere rilasciato necessariamente dall’azienda che sta eseguendo tutti i lavori di installazione, manutenzione o modifica di un impianto elettrico all’interno di un edificio. Questo documento risulta essere molto importante dal momento che costituisce parte fondamentale dei dati da consegnare per poter fare richiesta di certificato di agibilità di un edificio qualsiasi. Inoltre la suddetta certificazione deve essere necessariamente allegata nell’atto di rogito in caso si intenda vendere un qualsiasi immobile o effettuarne un qualsivoglia trasferimento; in caso la certificazione non sia presente tra tutti i documenti obbligatori nell’atto di rogito, secondo la legge, l’atto stesso smette di avere validità. La mancata creazione della certificazione impianti elettrici comporta sanzioni economiche che vanno da 1.000€ fino ad un massimo di 10.000€.


La certificazione impianti elettrici: Dichiarazione di corrispondenza

Planimetria di una casa con sopra strumenti da lavoro La dichiarazione di corrispondenza è un documento che deve essere necessariamente redatto da un tecnico quando la certificazione impianti elettrici non è disponibile per l’impianto elettrico in questione. Ma non solo, infatti è possibile usufruire di questa documentazione per tutti quei impianti che sono in essere da prima dell’entrata in vigore del Decreto ministeriale 37/08. Come detto precedentemente, per poter redare questo documento è necessaria la presenza di un tecnico abilitato che eserciti da almeno cinque anni la propria professione. Questi, una volta sul campo, verrà chiamato ad effettuare un sopraluogo atto a verificare che la realizzazione dei lavori sia stata fatta seguendo tutte le normative in vigore in quel preciso periodo. È importante che il tecnico in questione si assicuri che il lavoro sia stato fatto in maiera soddisfacente.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO