Verifiche impianti elettrici

Normative della casa relative agli impianti elettrici

In un’abitazione è importante tenere sotto controllo anche lo stato di salute degli impianti, soprattutto di quello elettrico, affinché si possano ridurre gli incidenti domestici e perfino i consumi. Spesso difatti si sottovalutano i rischi e i pericoli a cui si può andare incontro nel caso in cui l’impianto elettrico non sia stato realizzato a norma e neppure sottoposto a regolare manutenzione. Le normative della casa che regolano gli impianti elettrici prescrivono che questi siano realizzati a regola d’arte, che per la loro realizzazione o modifica ci si rivolga a personale abilitato e che, ad intervento eseguito, si richieda la Dichiarazione di conformità all’impiantista (Legge 46/90). Questi concetti sono stati ribaditi in seguito con il D.M. n. 37/2008, il nuovo regolamento entrato in vigore a marzo del 2008 per disciplinare gli impianti elettrici degli edifici, con il quale in parte si è abrogata la Legge 46/90. Per la corretta manutenzione dell’impianto è tuttavia necessario effettuare delle verifiche sui vari elementi che lo compongono, per rendersi conto che non siano danneggiati, e svolgere specifiche misurazioni per accertarsi della presenza di determinati valori.
verifica impianto elettrico casa

TP-Link Presa Intelligente WiFi Smart Plug, Compatibile con Alexa e Google Home, Controllo Remoto tramite APP Tapo, 10A, 2300W (Tapo P100)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Verifiche impianti elettrici: cosa sono e chi le fa

Verifiche impianto elettrico Il termine "verifica" è stato introdotto dal Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) con la norma CEI 64-8 che riguarda la realizzazione di impianti elettrici che fanno uso di utilizzatori a tensione nominale che non superi 1000 V in corrente alternata e 1500 V in corrente continua, per garantire la sicurezza delle persone e dei beni. Le verifiche sono relative a tutte le operazioni fondamentali da eseguire in un impianto elettrico per accertarne la rispondenza alle normativa vigente. Si tratta di controlli con i quali professionisti abilitati valutano la condizione dell’impianto, attraverso diversi passaggi. Le verifiche comprendono gli esami a vista e le prove. I primi servono ad accertare ad occhio nudo che i cavi non siano danneggiati o difettati, per non compromettere la sicurezza degli utenti. Si distinguono in esami a vista ordinari o approfonditi che prendono in considerazione anche lo stato di conservazione dell'impianto e si effettuano con specifici strumenti. Con le prove il professionista si accerta della conformità dell’impianto alla norma CEI 64-8, prendendo in esame i conduttori di protezione, la resistenza all’isolamento, la misura della resistenza di terra ecc.

  • Esempio di abusi edilizi Gli abusi edilizi riguardano la realizzazione di un edificio senza dichiarare al comune competente per territorio l'inizio dell'attività del cantiere oppure senza avere assolutamente il permesso di co...
  • Diritto La successione necessaria riguarda le quote del patrimonio del de cuius, che devono essere destinate ai congiunti stretti. Quindi, queste saranno le quote che devono andare ai successori, con o senza ...
  • Costruzione unità immobiliare L'unità immobiliare iscritta al Catasto fabbricati produce un reddito autonomo. Ci sono inoltre dei fabbricati che hanno più unità immobiliari e per questo sono composti dal subalterno con un numero d...
  • Esempio di testamento olografo Le successioni comportano un trasferimento della proprietà del de cuius ai suoi eredi, senza che questa resti priva di titolarità. Questi vengono designati dalla legge o dal defunto tramite un testame...

LeaderPro DC Ventilatore a Piantana con Telecomando con Turbo,3D Oscillazione,Tecnologia a Ciclone Silenzioso 20dB per la Circolazione dell'Aria,12 Velocità,26W Risparmio Energetico,LED Display,e ECO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 129,99€
(Risparmi 70€)


Periodicità verifica impianti

controllo impianto elettrico La periodicità con le quali devono essere eseguite le verifiche sugli impianti elettrici è stabilita dalle norme CEI. In particolare le verifiche periodiche sono state rese obbligatorie per gli impianti realizzati negli ambienti di lavoro e si distinguono in verifiche periodiche di manutenzione ed ispettive. Le prime servono ad accertare il permanere nell’impianto dei requisiti tecnici di sicurezza, le seconde invece si effettuano su determinate macchine e sistemi d'impianto (ascensori, parafulmini, impianti di terra ecc) ritenuti particolarmente pericolosi. Per effettuare quest’ultime bisognerà rivolgersi ad Enti specifici. Con il DPR 462/01 tutti i datori di lavoro sono stati quindi obbligati ad effettuare delle verifiche periodiche, da ripetersi ogni 2 anni sugli impianti elettrici di messa a terra, sui dispositivi di protezione contro i fulmini e soprattutto negli impianti elettrici installati nei luoghi a rischio esplosione. Per tutti gli altri ambienti di lavoro la frequenza con la quale si dovranno effettuare le verifiche sale a 5 anni. In caso di modifiche dell’impianto o di problemi gravi, va da sé che il datore di lavoro potrà fare eseguire una verifica straordinaria.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO