Dadi e bulloni

Le caratteristiche pricipali di dadi e bulloni nell'edilizia

Prima di parlare di dadi e bulloni nel loro insieme, è necessario fare una precisazione delicata. I bulloni sono definiti organi di unione e sono costituiti da più componenti: una vite, il vero corpo del bullone, per lo più con testa esagonale e gambo filettato in tutta o in parte della sua lunghezza; dado, anch'esso di forma prevalentemente esagonale; rondella, che ha invece forma circolare. Quindi, in sostanza, i dadi fanno parte della struttura del bullone, anche se solitamente si usa parlare di dadi e bulloni come due organi distinti. Spesso, per evitare il disserraggio del dado in presenza di vibrazioni, potrebbe essere necessario usare anche un controdado oppure una rondella elastica, ma anche entrambi i componenti contemporaneamente. In passato era più frequente utilizzare i chiodi, invece che dadi e bulloni, nell’edilizia: oggi le unioni chiodate sono cadute in disuso a favore di quelle bullonate, in quanto queste ultime consentono di superare varie limitazioni.
Bulloni

Mannesmann - M13010 – Assortimento di viti filettate, 580 pz.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,6€
(Risparmi 6,8€)


Le caratteristiche geometriche di dadi e bulloni

Bulloni dimensioni Le caratteristiche geometriche che individuano dadi e bulloni sono la lunghezza e il diametro nominale. La lunghezza del bullone deve essere sufficiente a permettere che gli elementi da collegare vengano attraversati, ma non deve essere eccessiva, per evitare sprechi di materiale e la necessità di tagliare i pezzi di gambo in eccesso. Un’altra caratteristica fondamentale è la lunghezza della parte filettata. Nei bulloni sollecitati a taglio è preferibile che la parte del gambo interna al collegamento non sia filettata in modo da offrire una maggiore area resistente a taglio; in questo caso nei calcoli dimensionali va considerata l’area nominale del gambo, altrimenti bisogna considerare un'area ridotta definita area resistente. Nei bulloni sollecitati a trazione, invece, tale caratteristica non è molto importante.

  • bulloneria Dai rivenditori di bulloneria, tasselli e viteria trovi tutte le attrezzature per eseguire lavori di montaggio. Se devi montare un mobile in legno, dei pannelli a soffitto, o semplicemente fissare del...
  • Modello bullone La scelta della viteria che farà parte di una costruzione, è un elemento critico in una progettazione ingegneristica. La stabilità di una struttura dipende, tra l'altro, dal giusto fissaggio delle par...
  • Serie di viti a testa quadra Le viti testa quadra, sono strumenti composti da un'asta filettata di forma cilindrica. Queste con l'aggiunta di una parte avvitabile, chiamata dado, possono essere utilizzate come bulloni. Esse sono ...
  • La bulloneria inox è a prova di macchia e di corrosione Il bullone, dal francese boulon, è un componente fondamentale per moltissimi tipi di lavori fai da te. Si tratta tecnicamente di un elemento di giunzione, che ha carattere smontabile, ed è compreso tr...

Assortimento dadi e rondelle Blue spot 40516 – argento (460-piece)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,11€


Dadi e bulloni: La filettatura

Filettatura meccanica Se dadi e bulloni hanno il gambo filettato, la sezione resistente differirà dalla sezione nominale. I dati geometrici che vanno dunque considerati in fase progettuale sono molteplici: area nominale del bullone, area della sezione resistente, diametro nominale del bullone, diametro della sezione resistente e passo della filettatura. Il DM08, ovvero la normativa vigente in termini di costruzioni, classifica i bulloni in una tabella, indicando le principali tipologie di bulloni con una sigla recante la lettera M e un numero di due cifre che indica il diametro nominale (ad esempio, M12 indica un bullone dal diametro di 12 millimetri). Il DM08 prevede una classificazione per viti e dadi in funzione invece delle proprietà meccaniche dell’acciaio: le diverse classi previste di tali componenti vengono così suddivide in normali e ad alta resistenza a seconda delle tensioni di snervamento e di rottura dell’acciaio.



COMMENTI SULL' ARTICOLO