Riqualificazione energetica edifici

Riqualificazione energetica edifici

La riqualificazione energetica degli edifici comprende una lunga serie di interventi effettuati su di un edificio esistente per migliorarne le performance energetiche globali. Nello specifico, la riqualificazione energetica interviene a correzione delle chiusure opache - orizzontali (solai), verticali (pareti), oblique (coperture) - e di quelle trasparenti (finestre) per ridurne i valori di trasmittanza termica. Ed anche sulle componenti impiantistiche per diminuirne le perdite di energia ed aumentarne i rendimenti puntuali e, conseguentemente, globali. La riqualificazione energetica degli edifici è, quindi, molto di più di un recupero e/o di una ristrutturazione, puntando l'attenzione sugli aspetti energetici, accuratamente analizzati mediante appositi software di calcolo, contestualmente a quelli strutturali/architettonici propri, invece, delle altre due categorie di intervento.
riqualificazione energetica

Arendo - Timer meccanico 24h | 24 Ore Plug in Timer| 96 segmenti di commutazione | Regolatore a cursore per indicazione dell'ora | Indicazione dello stato | Selettore per la funzione On/Auto | Comando semplice/compatto | 3680W | Sicura per bambini

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,85€


Macro-categorie di intervento per riqualificazione

riqualificare energeticamente la casa Tre sono le macro-categorie in cui si riassumono tutti gli interventi riguardanti la riqualificazione energetica degli edifici. In primis l’isolamento termico delle componenti strutturali: pareti, solai, coperture e finestre. Un corretto intervento di isolamento termico su pareti, solai e coperture prevede una notevole riduzione della quantità di energia dispersa dall'elemento mediante la posa in opera di pannelli isolanti, la cui tipologia ed il cui spessore devono essere calcolati da professionisti del settore. Riguardo alle finestre, non essendo possibile migliorare le esistenti, è opportuno sostituirle con sistemi vetro/telaio altamente performanti. Provveduto ad isolare bene l'edificio, si può pensare agli impianti. Devono essere ottimizzati in ogni loro aspetto: generazione, distribuzione, emissione e regolazione del calore. E questo può avvenire sostituendo la vecchia caldaia con una di moderna concezione come la caldaia a condensazione ed installando cronotermostati e valvole termostatiche.

  • Casa con impianto fotovoltaico Mettere un impianto fotovoltaico è, innanzitutto, un vantaggio per chi vuole risparmiare sulla bolletta della luce. La produzione di energia elettrica consentita da un impianto fotovoltaico domestico...
  • La forza del vento L'uomo ha sempre cercato di sfruttare l'energia del vento. Sin dai tempi più remoti, l'uomo ha capito che la forza del vento poteva essere utilizzata per i suoi scopi. Le vele delle barche hanno perm...
  • Il risparmio dell'energia Il risparmio energetico non significa necessariamente rinunciare a qualcosa: anzi, al contrario, significa soprattutto ottimizzare le prestazioni e i consumi energetici di casa. Si tratta di piccoli c...
  • Casa con impianto fotovoltaico Quando si decide di installare in casa un impianto verde per la produzione di energia elettrica, bisogna ricordare che i costi del fotovoltaico non sono sempre bassi e dipendono da una serie di fattor...

Timer da cucina, Senhai conteggio up / down grande Display LCD elettronico Timer Memoria-2 Pack

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€


Termocamera a raggi infrarossi

diagnostica con termocamera a infrarossi La termocamera a raggi infrarossi è uno strumento diagnostico non invasivo che permette di effettuare vari tipi di indagini sugli edifici (e non solo) al fine di rilevare in modo puntuale dispersioni termiche, ponti termici, presenza di umidità, lesioni o distacchi di intonaco.

Lo strumento è in grado di ricreare la mappa della temperatura superficiale dell'edificio, lavorando sul flusso di energia che questo trasmette nella banda spettrale dell'infrarosso.

I dati così catturati vengono elaborati mediante appositi software che li traducono in colori (dal violetto al rosso) e numeri indicanti i valori di temperatura superficiale rilevata.

A colori più caldi corrispondono temperature superficiali più elevate, possibile sintomo di dispersione termica, da approfondire, poi, mediante altre indagini in situ.




COMMENTI SULL' ARTICOLO