Peronospora

Peronospora: impropriamente fungo, comunque parassita

L'agente responsabile della peronospora è la Phitophthora infestan, un oomicete che fino a qualche tempo fa veniva incluso nel regno dei funghi.Detti anche miceti, i funghi costituiscono una grande famiglia che comprende più di 100.000 specie. L'avvento della biologia molecolare ha messo in luce dettagli che hanno permesso una rivisitazione della classificazione. Con le nuove tecniche di indagine microscopica si è potuto valutare altri parametri, parentele evolutive e sostanze chimiche a base delle strutture organiche che hanno dettagliato un quadro più completo delle caratteristiche di ogni famiglia. Si è così visto che i funghi includono davvero un numero vastissimo di famiglie, comprendono organismi molto semplici, unicellulari, insieme ad organismi più complessi, dotati di cellule organizzate in filamenti detti ife, e sono caratterizzati da un sistema riproduttivo basato su spore, elementi che "saltano" lo stadio embrionale comune a tutti gli altri vegetali o animali. Gli oomiceti però hanno una parete cellulare composta da una miscela di composti cellulosici, al contrario dei funghi in cui la parete è formata da una sostanza resistente chiamata chitina.
peronospora foglie

Vebi Clorpirifos 7,5gr - 1Kg Insetticida del terreno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,9€


Un'infestazione portata dal vento

vite peronospora La Phytophthora infestans attacca foglie, steli, frutta e tuberi della pianta distruggendola in breve tempo. La riproduzione dell' oomicete parassita avviene tramite spore prodotte nei tessuti vegetali infetti ed è più rapida in condizioni di elevata umidità (60%-80% ). Le spore liberate si disperdono nell'aria e tramite il vento o la pioggia raggiungono i tessuti sani di altri organismi infettandoli. Ogni spora è la copia esatta dell'organismo che l'ha generato, poiché la riproduzione è asessuata, e ciascun nuovo organismo può avviare una nuova lesione. La Phytophthora infestans richiede un ospite per sopravvivere e passare alla stagione successiva. Di solito vive nei tuberi infetti che possono stazionare nei depositi di stoccaggio nel suolo anche per più di una stagione e germinare in poche ore quando arrivano sul fogliame. I tuberi che vengono scartati in qualsiasi fase della produzione agricola e conosciuti come "abbattimento", se non distrutti, possono diffondere l'agente patogeno avviando le infezioni della stagione successiva. Le spore possono sopravvivere dislocate nel tubero anche oltre la stagione di raccolta e venire poi trasportate per diversi chilometri.

  • Una foglia di pomodoro malata La septoriosi è dovuta ad un fungo che attacca foglie e fusti e solo raramente si accanisce sui frutti. Si tratta quindi di una malattia di origine parassitaria. Questo fungo ama le temperature non tr...
  • Vasi da giardino decorati I vasi da giardino, ovvero i contenitori per la coltivazione di piante, fiori o anche ortaggi e verdure, sono disponibili in innumerevoli forme, colori, materiali e dimensioni. I motivi per cui si sce...
  • Esempio di prato inglese Il prato inglese è un tipo di manto erboso che deriva il suo nome dal fatto di essere stato adottato per la prima volta dai proprietari terrieri della Gran Bretagna nel Seicento. Durante i secoli le t...
  • Gardenia fiorita La gardenia è originaria della fascia tropicale africana e comprende circa 250 specie differenti. La più comune in Italia è la gardenia jasminoides, molto apprezzata per i suoi fiori particolarmente o...

EXTSUD Zanzariera Magnetica per Porte Chiusura Automatica Tendina Anti Zanzare Mosche Insetti Tenda per Porte Finestre Balcone Soggiorno Mantiene Stanza Traspirante Senza Zanzare (110x220cm, Bianco)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€


Riconoscere la Peronospera nella patata e nel pomodoro

foglie peronospora Una volta che la spora si impianta sul fogliame le lesioni prodotte crescono rapidamente e man mano che il parassita si espande il tessuto diventa necrotico. In condizioni di umidità ideali per il suo sviluppo la Phitophtora infestans produce sporangi e sporangiofori sulla superfice del tessuto infetto. Questa sporificazione produce l'accumulo delle lesioni che portano in poco tempo alla morte del vegetale. Sia nella patata che nel pomodoro le lesioni prodotte sono simili, nella foglia giovane appaiono come piccole e irregolari, di colore grigio marrone con il bordo verde brillante. Le macchie poi, allargandosi diventano più regolari e circolari. Dal fogliame le spore possono essere delavate nel terreno e infettare i tuberi attraverso piccole fessure o le lenticelle, i tessuti infetti del tubero sono di colore marrone oppure ramati, rossastri o violacei. La sporulazione può avvenire anche nei tuberi messi a stoccaggio, che attaccati dalla peronospora possono subire varie infezioni batteriche con produzione di marciume e rammollimento.


Peronospora della vite

lesioni da peronospera Nella vite la Peronospera è causata da un oomicete chiamato Plasmopara viticola. Tutte le parti verdi della vite possono essere infettate e i sintomi sono visibili sulle foglie a 5 o 7 giorni dall'inizio dell'infezione. Le macchie sono gialle, circolari e hanno un aspetto oleoso e sono circondate da un alone giallo-brunastro. L'alone svanisce man mano che le macchie si ingrandiscono per lo sviluppo dell'oomicete. In condizioni di umidità favorevoli possono svilupparsi molte spore e coprire la maggior parte della superfice della foglia in pochissimo tempo. Dopo notti caldo-umide lo sviluppo della peronospora si evidenzia con la comparsa di ife bianche (la parte filamentosa dei funghi) sulla parte inferiore delle foglie. A fine estate e inizio autunno le foglie malate assumono l'aspetto di un arazzo cosparso di peluria bianca. I giovani grappoli infettati diventano invece marroni, appassiscono e muoiono rapidamente, mentre nei campi infettati si diffonde il tipico odore di muffa.


Condizioni climatiche per la germinazione delle spore

Le condizioni necessarie per la germinazione delle oospore che colpiscono la vite sono terreni umidi con temperature superiori ai 10° C. Una regola aggiuntiva empirica comprenderebbe anche 10 mm di pioggia in un periodo di 24 ore, e questo per soddisfare il requisito di umidità del suolo. Le zoospore disperse si incistano e germinano, poi penetrano attraverso gli stomi. La maggior parte delle infezioni si attivano al mattino, poiché dopo diverse ore di irradiazione solare le spore si inaridiscono e muoiono. La produzione di nuovi sporangi e sporangiofori richiede dal 95 al 100% di umidità relativa e almeno 4 ore di buio a temperature superiori ai 13° C. Una volta iniziato, il processo continuerà ininterrottamente a condizione che la temperatura superi gli 11 C°. Anche in questo caso, come per la patata e il pomodoro gli sporangi vengono dispersi attraverso l'aria e raggiungono nuovi siti da infettare a causa del vento e delle piogge.


Peronospora

peronospora vite Si potrebbero infine elencare i nomi dei diversi agenti patogeni che causano la peronospora in tante altre varietà vegetali: si distinguono al microscopio anche a seconda della forma assunta dalle spore che si dispongono a grappolo sulla foglia della pianta ospitante. La peronospora è stata a lungo la malattia delle piante più temuta dalle economie agricole. Molto probabilmente originò nel Messico e da qui fu importata in America da dove, nella prima metà dell''800, sbarcò in Europa. Qui a causa delle vessazioni imposte dai proprietari terrieri molte economie si basavano sulla coltivazione estensiva della patata che, quando veniva colpita, produceva cicli di carestie proprio per la capacità di passare alla stagione successiva. Nel 1840 l'infestazione che colpì l'Irlanda causò la morte di più di un milione di irlandesi e più del doppio furono costretti ad immigrare negli States. Oggi si sa come prevenire le infestazioni, distruggere le parti infette delle piante, utilizzare semi sani e varietà resistenti. Opportune tecniche colturali aiutano a mantenere sani i terreni e le potature migliorano la circolazione dell'aria, e quando è necessario si utilizzano i funghicidi.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO