Sostituzione caldaia detrazioni fiscali

Sostituzione caldaia e detrazioni fiscali

Se state pensando di sostituire la vecchia caldaia con una nuova e più efficiente, sappiate che potete usufruire di detrazioni fiscali. Le stesse sono state confermate nella Legge di Stabilità del 2016 e prorogate sino al mese di dicembre 2016. E’ una sorta di incentivo che viene proposto a coloro che acquistano una caldaia in sostituzione di quella vecchia. E' questa un’operazione che consentirà anche un notevole risparmio in bolletta, poiché quasi sempre si tratta di caldaie usurate che, oltre ad inquinare l’ambiente, consumano troppo. La sostituzione della caldaia infatti rientra tra le opere di miglioramento dell’efficienza energetica di un edificio, che godono della detrazione fiscale del 65%. Bisogna pure tenere presente che, per proteggere il clima e l'ambiente, una direttiva europea ha stabilito che a partire dal mese di settembre 2015 non si dovranno più produrre caldaie a tiraggio forzato. Per cui si è resa obbligatoria l’installazione di caldaie a condensazione. Va da sé che le stesse devono però essere conformi ad alcuni parametri che sono stati fissati nella legge, che consistono in requisiti minimi prestazionali.
caldaia detrazioni fiscali

Plein Air PEG 2000 Pannello Riscaldante Ultrasottile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,99€


Detrazione del 65% per la sostituzione della vecchia caldaia

detrazioni per sostituire caldaia Tutte le opere con le quali si ottiene un miglioramento dell’efficienza energetica di un edificio esistente, usufruiscono di detrazioni fiscali. Tra queste rientra la sostituzione della caldaia. Con la Legge n. 208 del dicembre 2015, l’ecobonus per questo tipo di intervento, che è pari al 65%, è stato esteso a tutte le opere sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2016. Pertanto, è bene sapere che se si acquista una nuova caldaia per sostituire quella vecchia o si provvede a riparare quest’ultima con innovazioni e nel contempo si migliora anche il sistema di distribuzione, si avrà diritto alla detrazione del 65% dalle imposte dell’Iperf o dall’Ires, nel caso di redditi di persone fisiche o di società. Per la sostituzione caldaia la detrazione fiscale prevista riguarda le spese sostenute per l’installazione di un apparecchio a condensazione e a biomassa. Si porterà a detrazione sino ad un massimo di 30 mila euro, comprese le prestazioni professionali. La cifra dovrà essere divisa in dieci rate uguali da spalmare in dieci anni nelle dichiarazioni dei redditi. Con la nuova Legge di Stabilità 2017 l’ecobonus per il miglioramento delle prestazioni energetiche è stato prorogato al 2021.

  • Cucina a legna di vecchia generazione Le cucine a legna ricordano le case di una volta nelle quali solitamente non mancavano mai. Le cucine di questo tipo hanno il vantaggio di riscaldare la casa mentre vengono cucinati i cibi adoperando ...
  • Modello di termocamino acceso Il termocamino è un sistema di riscaldamento adottato all'interno delle abitazioni in sostituzione o come integrazione degli impianti comunemente usati e alimentati con il metano, il GPL o il gasolio....
  • Camino a parete moderno e bifacciale. Il camino a parete è un complemento d'arredo perfettamente inseribile sia in un contesto classico che in uno moderno, in quanto molto versatile e abbinabile al tipo di abitazione in cui viene posizion...
  • Esempio di caminetto a bioetanolo I caminetti a bioetanolo sono sempre più presenti all'interno delle case italiane: il successo di questo tipo di riscaldamento è dovuto proprio alle caratteristiche del combustibile usato. Il bioetano...

CombiSave-Valvola a risparmio energetico per caldaie combinate

Prezzo: in offerta su Amazon a: 53,39€


Sostituzione caldaia detrazioni fiscali: Come si ottengono le detrazioni fiscali

detrazioni fiscali per caldaia Per la sostituzione caldaia la detrazione fiscale potrà essere richiesta dopo che ci si rivolgerà ad un tecnico abilitato che dovrà asseverare, in apposita relazione, che i lavori siano stati eseguiti a norma e che la caldaia rispetti i requisiti richiesti. Dovrà anche descrivere l’intervento realizzato in apposite schede. Entrambi i documenti saranno poi trasmessi per raccomandata o per via telematica all’ENEA.

Per ottenere il beneficio fiscale basterà indicare nella dichiarazione dei redditi le spese sostenute e i dati catastali dell’immobile in cui è stato eseguito l’intervento. Tuttavia occorre conservare alcuni documenti, nel caso di successivo controllo o richiesta da parte dell’Agenzia delle Entrate.

La documentazione necessaria riguarderà la relazione del tecnico, la ricevuta di trasmissione all’ENEA, le fatture e i bonifici attestanti le spese sostenute per le opere. Per la sostituzione caldaia in un condominio si dovrà possedere la delibera di approvazione dei lavori da parte dell’assemblea condominiale e la ripartizione delle spese. Se l'intervento è stato effettuato da un inquilino diverso dal proprietario, occorrerà il consenso scritto da parte di quest’ultimo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO